Pubblicità

Ansia (1455103791889)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 1043 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoMaria, 18

 

D


Ho 18 anni e reputo la mia vita un completo fallimento. E non perché non studi o non abbia prospettive. Ma perché durante tutta la mia vita ho sempre avuto la sensazione di essere sbagliata in tutto.

Tre anni fa conobbi un ragazzo che non mi faceva sentire così, per la prima volta. Mi affezionai tanto, lo amavo, lo amo. Ma dopo alcuni mesi mi fece sentire in colpa per il fatto che io non ero più vergine. Si arrabbiava con me e io crollavo ogni volta.

Adesso non si arrabbia più ma c'è un altro problema, per lui esco troppo. Spiego meglio: io appena l'ho conosciuto non avevo nessuno, le mie amiche non mi calcolavano. Nessuno mi calcolava e gli dissi che io non ero fatta per uscire cosi tanto, che mi sarei scocciata.

Durante questi anni mi sono legata in amicizia con una mia compagna di classe e ovviamente esco di più. Questo di più è pari a una volta ogni due mesi, a volte capita ogni mese però.

A gennaio dovevo farmi le unghie dalla mamma di questa mia amica e sono stata a mangiare da lei per poi farmele direttamente verso le tre e mezzo, dopo una settimana ho fatto l'open day alla mia scuola (non avendone fatto mai uno) e lui dice che già sono uscita due volte in un mese.

Quindi ora che dovrei uscire con lei senza impegni del genere lui si è arrabbiato dicendo che non vuole che ci sto tutta la giornata, che non vuole che esco tutti i mesi perchè non le piacciono le ragazze così.

Facendo riferimento a quello che gli avevo detto il primo anno lui non accetta il fatto che io esca di più perchè secondo lui sono cambiata, sono diventata come tutte. D'altra parte non vorrei ogni volta dire di no a questa mia amica che tra l'altro vede che esco con lui ogni giorno e quindi potrebbe pensare che di lei non me ne frego.

Lui oltre a fare questo, conta le volte che esco e non è mai contento se non faccio qualcosa che riguardi lui. Mi sento controllata, mi sento in carcere, come se ci fosse qualcuno a darmi il permesso.

Sono così di natura, non mi piace che qualcuno stia a dirmi cosa devo fare. Sono io ad essere sbagliata? Cosa devo fare? Come dovrei sentirmi? È vero che più ti proibiscono qualcosa e più la vuoi solo per il semplice istinto di ribellarsi alle decisioni altrui? Grazie...

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R


Cara Maria,

Un rapporto di coppia per funzionare dovrebbe innanzitutto garantire la serenità su due piani: quello individuale e quello di coppia. Questo significa che le necessità di uno non devono impedire la realizzazione di quelle dell’altro: occorre trovare il giusto equilibrio che permetta a ognuno di avere uno spazio personale.

Gibran, poeta e filosofo che affrontò fra gli altri il tema dell’amore spirituale, afferma che l’aspetto relazionale che crea armonia e benessere nel rapporto di coppia è quello di amarsi, senza diventare schiavi l’uno dell’altro. Dare all’altro, ma, nello stesso tempo, poter anche stare da soli. Quando uno dei due membri sta facendo qualcosa per se stesso non sta sottraendo niente alla coppia.

Il suo compagno non deve concederle di poter fare qualcosa senza di lui ogni tanto, ma deve lasciare che lei svolga le attività che le piacciono quando vuole e con la totale serenità. Non deve assolutamente porsi dei limiti perchè lei ha tutto il diritto di vivere anche momenti non di coppia, ovviamente sempre nel rispetto dell’altro membro.

Se viene dato poco valore alla libertà individuale è facile sentirsi intrappolati o soffocati.
I rapporti d’amore generalmente subiscono delle trasformazioni, passando per una prima fase di innamoramento dove non ci si riesce a staccare l’uno dall’altro, fino ad arrivare ad un amore più maturo, nel quale il compagno rappresenta un’aggiunta alla nostra vita, ma non per forza e per fortuna il suo centro.

Probabilmente, nel vostro caso, la coppia ha subito un cambiamento, che non significa per forza in negativo, anzi potrebbe essere positivo. E’ necessario quindi che rinnoviate il vostro modo di intendere lo stare in coppia. Probabilmente il suo compagno ha bisogno di averla sempre sotto controllo per poter sentirsi importante per lei.

Deve far capire al suo compagno che avere anche degli spazi da dedicare a se stessa, alle sue amiche, non significa che l’amore per lui diminuisca, anzi, i momenti vissuti insieme saranno ancora più speciali.

Le relazioni in cui c’è rispetto per l’autonomia di ciascuno, spesso sono più stabili e serene di quelle in cui i partner si controllano continuamente e tendono alla fusionalità. Quando ciascuno porta avanti il proprio punto di vista, e insieme, è capace di ascoltare e comprendere la posizione dell’altro, la coppia può trovare dei compromessi che rispettino i bisogni di entrambi.

In conclusione, l’amore ha buone probabilità di restare vivo quando ciascuno si prende cura del legame di coppia e, nello stesso tempo, mantiene e sviluppa la propria individualità. Su questo mi auguro che riusciate a trovare un punto di incontro attraverso il confronto costruttivo.

Per qualsiasi altro dubbio rimango a sua disposizione.

 

(a cura della Dottoressa Eleonora Mercadante)

 

Pubblicato in data 22/02/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: benessere amore problema relazioni coppia armonia equilibrio controllo fallimento prospettive libertà individuale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

UNA chiacchierata per fare chi…

Ylenia Calabrese, 25 anni Salve,Nei miei 25anni ne ho passate di ogni.. ansia, depressione, attacchi di panico , disturbi alimentari ecc. ...

Sono cuckold [16058017191]

anto, 32 anni Salve, mi chiamo Antonio ho 32 anni e sono sposato da 4; io e mia moglie già da quando eravamo fidanzati praticavamo spiagge nudiste, dal pr...

Non riesco mai a partire [1605…

roberto, 61 anni Un sogno ricorrente. Lo visualizzo almeno una volta al mese da ormai cinque o sei anni. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni