Pubblicità

Come affrontare i genitori (14841274193)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 738 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

 

le risposte dellesperto

Valeria, 21

domanda

 

 

Salve, sono una ragazza di 21 anni. Io ed il mio ragazzo, con il quale ho una relazione seria ed ufficiale da più di 4 anni, abbiamo intenzione di sposarci quest'anno, perché abbiamo capito di essere fatti l'uno per l'altra e non vogliamo più sprecare tempo.

Lui ha un lavoro stabile, io invece sto studiando all'università. Il problema è comunicarlo ai miei genitori, i quali sono molto autoritari, specialmente mio padre. Vogliono a tutti i costi che io intraprenda una strada decisa da loro, e cioè realizzarmi principalmente in ambito lavorativo, dopodiché, a 30 anni minimo, che secondo loro sarebbe l'età giusta per sposarsi, pensare a realizzarmi in ambito sentimentale. Nonostante la mia giovane età, io sono fermamente convinta del grande passo che voglio affrontare. Sono matura e responsabile al punto giusto, so badare a me stessa, e non avrei assolutamente problemi a lasciare casa mia, d'altronde è un mio sogno da quando avevo 15 anni, dato che i rapporti con i miei genitori non sono mai stati rose e fiori.

Ognuno di noi è diverso, e non credo che un figlio debba necessariamente pensarla come i genitori. Di fatto, le nostre opinioni, mie e dei miei genitori, si discostano molto su vari fronti, per questo loro mi giudicano strana, e si comportano con me di conseguenza. So già che l'argomento farà scaturire infuriate, discussioni, liti, ecc, so che loro mi costringeranno a fare ciò che dicono, il problema è che non so proprio come affrontarli, come dirlo e come comportarmi; inoltre, io non riesco a parlare con i miei genitori, ogni volta mi impongono di fare quello che vogliono loro, ed io, per la rabbia, inevitabilmente, scoppio a piangere. Cosa devo fare? Grazie in anticipo per la risposta, se la riceverò.

Distinti saluti.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Gentile Valeria la questione che porta in evidenza é centrale e controversa in molte famiglie. L indipendenza dei figli é spesso un passaggio evolutivo difficile sia per i genitori, che devono riorganizzare tutto il loro sistema educativo, sia per i figli, che spesso cercano di portare avanti le loro idee senza poter valutare serenamente i loro desideri. Crescere é molto difficile e modificare la relazione con i propri cari richiede tempo e comunicazione.È comprensibile la rabbia, il pianto e la frustrazione che derivano dall'imposizione che sente di subire ma oltre il dialogo e le parole non ci sono strumenti efficaci che possono aiutare. C è bisogno di sostegno per poter affrontare quello che prova e analizzare cosa desidera, si dia un po' di tempo e cerchi un aiuto concreto che le fornisca gli strumenti per sostenere le sue idee, come comunicarle e come portarle avanti o modificarle.

 

A cura della Dottoressa Luisa Bonomi

 

Pubblicato in data 30/05/2017

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita genitori famiglia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Due nemici sotto lo stesso tet…

maria, 69 anni     Salve ! Sto vivendo un momento abbastanza difficile e complicato della mia vita e da sola non riesco ad uscirne, ecco perch...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni