Pubblicità

consulenza (1526474836350)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 421 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoelio, 65

domanda

 

 

Sono nonno di tre nipotini, quando c'è un compleanno, non sono mai presente alla festa.

Il motivo è la presenza di alcuni parenti che desidero non vedere e sentire, questo dovuto sempre più ad all'ontanarmi ed non sentirci più come una volta non lego con loro, mi sono allontanato, e la mia scelta è starmene per conto mio.

Mio figlio e mia nuora, ho parlato con loro di questa situazione, ma loro sono legati coi cugini, gli zii, compari di battesino, non possono non invitarli, però così sono io quello che rimane fuori. Mia moglie va d'accordo con tutti, è sempre presente ad ogni manifestazione.

Chiedo a voi dottori scopritori del cervello umano, se è normale tale situazione.

Grazie per aver letto questa lettera, è importante una risposta.

Anticipatamente ringrazio, Elio.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

risposta

 

 

Salve Elio,

La sua è una importante richiesta di aiuto psicologico che lascia intravedere una criticità nella relazione con suo figlio e sua nuora oltre che con gli altri parenti. Si configura una situazione tale per cui suo figlio è al centro di un “conflitto di lealtà” ed ogni volta che c’è un’occasione/evento, sa’ che inevitabilmente potrebbe fare del male a qualcuno. Se invitasse Lei escludendo così i parenti, rischierebbe di fargli del male e viceversa quando invita i parenti e non Lei provoca dolore in Lei, forse lo stesso dolore che l’ha portata a chiedere un aiuto.

Immagino che in entrambi i casi queste sono decisioni mai prese a cuor leggero, che per prime provocano sofferenza anche a suo figlio.

Sarebbe interessante capire cosa l’ha portata a volersi isolare rispetto a queste persone. Apparentemente potrebbe sembrare RABBIA, seppur mimetizzata in questo comportamento di evitamento.

Inoltre, molto molto importante è in qualche modo riaffermare il suo ruolo di padre rispetto a suo figlio, in una relazione matura ma comunque genitoriale. Sostenerlo, per quanto possibile evitare di porlo in questo famoso conflitto di lealtà, potrebbe essere il miglior modo per essere nonno senza smettere di essere padre. Questo è qualcosa che immagino Lei stia già cercando di fare, altrimenti non avrebbe probabilmente avuto la volontà di chiedere aiuto.

A tal fine, un percorso psicologico potrebbe aiutarla a chiarire quali sono i nuclei emotivi e di sofferenza che hanno portato alla situazione attuale.

 

Pubblicato il 7/06/2018

 

A cura del Dottor Vito Leone

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita

0
condivisioni

Guarda anche...

Vita da Psicologo

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute mentale o psicoterapeutica, o per la...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

News Letters

0
condivisioni