Pubblicità

crisi matrimoniale (40940)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 306 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giovanna, 31anni (17.7.2001)

 

Sono sposata da tre anni. Rimasi incinta poco dopo il matrimonio e dall'inizio della gravidanza mio marito non ha piú voluto avrere rapporti. Prima era la gravidanza, poi il troppo lavoro. Dice di amarmi, ma di fatto il nostro rapporto é dettato solo dal lavoro in comune. Al di la del lavoro non c'é dialogo, non c'é affetto. Sono molto confusa in quanto fatti e parole non coincidono. Come puó dire di amarmi se da tre anni non desidera nessun tipo di affetto. All'inizio credevo alle sue scuse e speravo che la situazione migliorasse, ma ormai non mi faccio piú molte speranze e non so cosa fare. Affrontare l'argomento con lui é pressoche impossibile, lui dice di essere felice e non vede gran problemi. Cosa devo fare?

 

Cara Giovanna,

la migliore cosa da fare in un caso come il tuo è quello di rivolgersi ad un consulente di coppia. Ci sono probabilmente delle basi perchè la vostra relazione abbia un seguito, ma certamente non è naturale nè adeguato il modo attuale di condurla; bisogna capire che cosa è successo e che cosa sta succedendo. Se lui dovesse rifiutare di "farsi aiutare" o, comunque, reputasse anche in avvenire che questo tipo di vita è accettabile, dovrai seriamente riflettere sulla possibilità di allontanamento o su una accettazione di una vita senza soddisfazioni.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

News Letters

0
condivisioni