Pubblicità

Effetti della separazione consensuale (1516562874427)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 648 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoopera, 48

domanda

 

 

Tanto tempo fà ho conosciuto il mio partner.

Dopo tanto tempo e due figli non ho perso la forza di stare con il mio partner, pur amando completamente l'altro essere.

La ragione, credo, della perdita totale della forza l'ho addebito al tentativo, contrastato da me, di plasmarmi ad immagine e somiglianza del partner che aveva l'altra parte. il mio parthner era in attesa che io cambiassi e io , nel dissenso, sostenevo che non potevo essere ciò che l'altro desiderava, pena l'annullamento della mia personalità.

Dopo circa tre mesi che ho cessato la coabitazione, sono pienamente sereno e evito completamente di vederlo. Solo un po per i figli e un po per casi, sono costretto a chiamarlo o l'incontro. In tali occasioni sono freddo ed indifferente e concludo subito la faccenda.

Ebbene, ed è questo il motivo per cui scrivo, sento che ho bisogno, in tali occasioni, di ' andarmene via dalla situazione ' perchè non voglio condividere lo stesso spazio-tempo assieme a questa persona. Che cavolo significa ?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

risposta

 

 

Salve opera,
sicuramente sentir negata la possibilità di espressione della propria personalità non è una cosa piacevole e forse è per questo che ha deciso di liberarsi da questo gioco scomodo.

Ciò non toglie che, seppur questa conflittualità ha portato la coppia coniugale a separarsi, la coppia genitoriale rimane. Anzi è opportuno che rimanga affinché i figli possano crescere senza confusioni o schieramenti di sorta.

La costituzione di un fronte genitoriale solido e stabile, che prenda decisioni univoche ed utili per i figli, non è qualcosa di facile da creare e gestire, ma per il benessere dei figli è indispensabile.

Una situazione conflittuale sul piano coniugale può minare la propria efficacia sul piano genitoriale. Spesso le separazioni avvengono solo sul piano fisico, non abitando più nella stessa casa, ma sul piano emotivo si rimane agganciati ad un modo di fare che è sempre uguale.

Talvolta i percorsi psicologici di coppia sono molto utili per interrompere questo tipo di giochi e per sancire in entrambi i partner anche un allontanamento emotivo cosicché ognuno possa contribuire al proprio ruolo genitoriale senza che i contrasti coniugali possano interferire.

Per rispondere alla domanda nello specifico, è possibile ipotizzare che seppur separato, il gioco della coppia coniugale non è ancora terminato. Quindi il bisogno di andare via che Lei descrive probabilmente corrisponde alla sua intenzione di non voler più giocare ad un gioco che non Le piace. Ciò nonostante non può far finta che il suo ex partner non esista perché è rimane l’altro genitore dei suoi figli.

Cordialemente

 

Pubblicato l' 08/02/2018

 

A cura del Dottor Vito Leone

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita partner separazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni