Pubblicità

Malumore in famiglia (1537254112650)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 519 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoLilares, 37

domanda

 

 

Buongiorno, ho dei grossi problemi in famiglia che mi stanno riducendo a pezzi

. Ho sempre avuto problemi con mio padre ma da quando è nata mia figlia i problemi si sono triplicati, non solo con lui ma anche con mio marito. Mi sento tra due fuochi, uno mio marito non vuole aver nessun rapporto con mio padre che abita sotto di noi e da a lui tutta la colpa che la piccola quando rientra a casa non lo guarda e non gli fa le coccole, dall'altra c'è mio padre che vorrebbe avere un rapporto con il genero ma troppo orgoglioso per abbassare la cresta su alcune cose. Io sto veramente male vorrei solo una famiglia tranquilla invece non ci riesco.

Sembra che mia figlia (3 anni) faccia delle cose per fomentare la rivolta e io non capisco il perché. Aiutatemi vi prego non voglio fare qualcosa di sbagliato, ma se la situazione non si risolve sto raggiungendo il limite. Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

risposta

 

 

Cara Lilares,

afferma che da quando è nata sua figlia i problemi che ha sempre avuto con suo padre si sono triplicati. In generale, in occasione della nascita di un figlio, la gestione dei rapporti familiari può risultare più complessa in quanto la struttura della famiglia cambia, si acquisiscono nuovi ruoli e risulta necessario costruire nuovi equilibri in linea con i cambiamenti avvenuti.

Partendo dal presupposto che non possiamo cambiare gli altri ma possiamo piuttosto modificare noi stessi e il nostro modo di relazionarci con gli altri, quello che potrebbe fare è lavorare sull’area relativa al rapporto che ha con suo padre, ad esempio provando ad aprire il ventaglio comunicativo o modificando le modalità comunicative che adotta nei suoi riguardi. La ricerca di nuove strategie per una gestione più efficace del rapporto che ha con suo padre potrebbe influenzare di conseguenza in modo positivo le relazioni che si sono strutturate tra le persone all’interno del nucleo familiare.

Laddove questo tentativo non producesse risultati positivi nella direzione voluta sarebbe a quel punto importante ridefinire i confini tra la sua attuale famiglia e suo padre, mi riferisco a confini non geografici ma piuttosto relativi al suo spazio di vita. Calibrare e circoscrivere uno spazio all’interno della famiglia al fine di tutelare preventivamente le figure coinvolte da possibili situazioni di conflittualità nella ricerca di una mediazione che possa in qualche modo costituire la migliore soluzione per tutti.

Cari auguri per una positiva risoluzione

 

Pubblicato il 05/10/2018

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita famiglia malumore

0
condivisioni

Guarda anche...

Psicopatologia

Il Narcisismo materno

Secondo la recente letteratura il narcisismo materno presenterebbe sei facce diverse che possono essere indentificate nell’estroversione eccessiva, orientamento alla realizzazione, componenti...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

News Letters

0
condivisioni