Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Problemi di coppia-disturbo personalità? (150106985788)

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 486 volte

le risposte dellesperto

Alessandra, 34

 

domanda

 

 

Buongiorno, chiedo cortesemente il vostro parere sulla relazione che ho con A. da 8 anni, i primi 6 è stato adorabile, premuroso e sincero.

Negli ultimi 2 è cambiato radicalmente.

Premetto che ha 7 anni meno di me, 27, e quando ci siamo conosciuti era giovane, timido e insicuro e non aveva mai avuto altre donne.

Il lavoro che fa ora è addestrare cavalli, lo ha riempito di sicurezza e autostima, ha clienti che lo osannano.

Due anni fa mi ha tradita, non me lo sarei mai aspettata, per quanto mi venerava.

Motivazione: si sentiva oppresso da me, non nego di essere gelosa e di aver esagerato in passato con la possessività.

Quando l'ho scoperto, prima mi ha incolpata per averlo controllato, poi pianti e disperazione, promesse di non rifarlo più e io sono tornata con lui. Pochi mesi dopo, lo scopro nuovamente, e altre volte ancora.

Dopo le scoperte: nega e/o mi accusa di controllo e poi di nuovo pianti e disperazione, promesse e mi chiede persino di sposarlo, in un momento in cui ero furibonda e non volevo neanche parlargli. Arriva da me con un anello, io mi sono sciolta e ho accettato.

La persona con cui mi ha tradita, una cliente, l'ha allontanata da lui, dopo svariate suppliche, quando finalmente è successo, pronta a festeggiare con lui questo traguardo,non ha voluto vedermi per 2 mesi.

I pochi sms a cui mi rispondeva: "Ora sarai contenta.. ho fatto cosa volevi tu.. ora sarai tranquilla.. finalmente tu starai bene visto che eri angosciata da lei..." In effetti, sapere che passavano i giorni insieme, non era divertente, e pur vedendomi disperata per questa situazione, ci ha messo un anno a, non mandare via, dicendole palesemente che non si poteva più continuare tra me, lui e lei, ma portare questa donna ad andarsene, come per rimanere pulito nei confronti anche di altri clienti: una mossa molto furba.

Abbiamo ripreso a vederci, io immaginavo una rinascita, invece i nostri stati d'animo sono sempre opposti: io entusiasta, lui triste; io arrabbiata, lui premuroso. Appena mi riassesto,lui di nuovo assente, pensieroso e triste. Questo era anche un po' prima, ma ora molto di più. La sua motivazione: l'ansia, i ricordi negativi di noi,non dorme.

Potrei pensare che si sia stufato, che non mi voglia più, ma appena accenno a gettare la spugna, esausta di mancanze o torti, ricomincia l'iter: impazzisce, "Voglio sposarti, voglio una famiglia con te, sei tu che mi rifiuti, ridammi l'anello visto se non mi vuoi".

Ora siamo in questa fase: venerdì cena romantica, sesso, divertimento, tutto ok. Sabato sparisce: era in giro con amici e non mi rispondeva al telefono. Domenica discutiamo su questa vicenda poco corretta,mi arrabbio e lui: "Dunque mi abbandoni di nuovo? Niente famiglia etc?" Dice che lo faccio impazzire, con le MIE altalenanze.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

risposta

 

 

Salve Alessandra,

leggendo la sua richiesta d'aiuto emergono molti elementi di indecisione, come se si fosse in uno stato di cose in cui è difficile evolversi  ed evolvere la relazione affettiva al prossimo step.

È evidente che una situazione di coppia, così come la descrive, è in uno stato di' impasse che alterna momenti positivi (venerdì) ad altri in cui il senso di colpa, la dipendenza affettiva dell'uno verso l'altro e viceversa, un investimento affettivo importante come la fantasia della creazione di una famiglia... sono tutte tare che contribuiscono nel bene e nel male al bilancio di questa relazione.

Bilancio che può servire ad entrambi i partner per sintonizzarsi sullo stato emotivo.

Lei spiega chiaramente il funzionamento emotivo di ognuno di voi nella coppia. Sembrerebbe che lo stato emotivo di uno sia vissuto in modo uguale e contrario, simmetricamente, dall'altro.

Questo funzionamento adesso si è assestato come funzionale alla coppia, ma denota un certo grado di rigidità per cui diventa difficile provare la stessa emozione contemporaneamente.

È come se questa situazione cercasse un punto. Per poi forse andare a capo e continuare a scrivere insieme la storia a 4 mani in modo più concorde rispetto ad ora oppure in modo ugualmente onesto decidere di iniziare un altro capitolo della propria vita.

Questa scelta individuale e di coppia è certamente qualcosa emotivamente difficile a cui avvicinarsi ma può essere un ottimo lavoro da portare in un percorso psicologico che sostenga Lei che scrive e/o la sua coppia.

Cordialmente

A cura del Dottor Vito Leone

 

Pubblicato in data: 31/07/2017

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita tradimento problemi di coppia

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters