Pubblicità

problemi sentimentali (42238)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 337 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marco, 38anni (22.8.2001)

Ho 38 anni e problemi nella sfera sentimentale: i grandi amori della mia vita sono sempre stati donne indecise, con le quali ho avuto dei rapporti intensi ma discontinui, secondo lo schema "né con te né senza di te". In altri termini, mi innamoro di donne che mi conquistano per poi dimostrarsi insoddisfatte della relazione; quando prendo atto della cosa e decido di allontanarmi dopo avere vanamente fatto dei tentativi per fare funzionare la relazione, ripartono alla carica per riconquistarmi, ma quando poi sono riuscite a coinvolgermi di nuovo, ecco che ridiventano indecise e piene di dubbi. Perché mi faccio sempre avviluppare in questo modo?
Ho capito che per quanto mi sforzi a riflettere non riesco proprio a uscirne da solo, ho bisogno di un sostegno psicologico per capire cosa c'è dietro, cosa ci trovo di tanto interessante in donne che alla fine non mi accettano interamente, per le quali io sono sì importante, ma fino a un certo punto, che non mi lasciano andare ma allo stesso tempo non mi vogliono davvero. Vorrei tanto trovare il modo per difendermi da questa mia tendenza masochistica che si sta rivelando sempre più deleteria. Ma quale terapia è più adatta per questo tipo di problemi? Psicanalisi, psicoterapia di supporto eccetera eccetera?
E poi, mi spaventa un po' il discorso tempo. è vero che la psicanalisi richiede un impegno di più almeno 3-4 sedute settimanali? In generale, una volta deciso l'approccio terapeutico, posso pensare di ottenere qualcosa mantenendo la frequenza delle sedute a una volta alla settimana? Grazie per l'attenzione.

Caro amico, da come descrive la situazione potrebbe essere presente una problematica di dipendenza dal partner, per cui quando la relazione diviene più intima comincia ad essere per lei troppo stretta e di conseguenza scattano meccanismi di fuga che la portano ad allontanarsene; tuttavia, poichè probabilmente il bisogno dell'altro e di una relazione stabile è altrettanto forte, i tentativi vengono ripetuti, ma forse non con convinzione, permanendo invece una situazione complessiva di sfiducia e conflittualità interna.
Una psicoterapia di tipo analitico potrebbe aiutarla ad approfondire e chiarire queste dinamiche conflittuali in gioco, facendo emergere quegli elementi, probabilmente ancorati ai suoi vissuti relazionali ed interpersonali antichi, che tendono a riproporre questa specie di coazione a ripetere.Solitamente per la psicoterapia ad orientamento analitico vengono stabilite almeno un paio di sedute settimanali, al di sotto delle quali il processo terapeutico subisce un eccessivo rallentamento e richiederebbe quindi uno sforzo maggiore per essere portato avanti.
Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Climaterio

In medicina si intende il periodo che precede e segue la menopausa, nella donna, o il periodo che precede l'andropausa, negli uomini, caratterizzato dalla cessa...

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra sportiva...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

News Letters

0
condivisioni