Pubblicità

Relazioni con donne con un passato irrisolto (1474833451565)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 672 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoAlessandro, 36

 

D

 

 

Dopo l'ennesimo evento ho fatto un rewind della mia vita sentimentale.


E' come se avessi una calamita che attrae persone problematiche, con un passato pesante (chi violenza domestica, chi vuoti affettivi e maltrattamenti, chi padri depressi o madri morbose e controllanti), adesso da un po' di tempo, se me ne accorgo subito, le schivo. A volte però me ne accorgo quando ci sono già entrato.

Malgrado cioè tenti di non caderci più, mi ritrovo sempre dopo un po' a scoprire che la donna con cui inizio una relazione è problematica, con un passato irrisolto. Ciò mi lascia appesantito, come intossicato.

Non capisco come mai, non mi pare di avere la sindrome del salvatore e la mia infanzia e la mia famiglia d'origine è bellissima, mai uno schiaffo, molto amore, presenza, rispetto.

Adesso questo schema che si ripete è diventato un problema, mi sono stancato e non riesco a capire perché. Vorrei, e dico una cosa brutta, relazionarmi a persone fortunate, con carattere, normali.. ma pare che non piaccia a questo genere di persone.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

Caro Alessandro,
Capisco bene le sue parole e questo è un problema molto più frequente di quanto lei possa pensare.
Sono poche , troppo poche le informazioni sulla sua infanzia, adolescenza, delle sue esperienze di vita, per poter capire esattamente se qualcosa lei è accaduto ed in che forma.

Del resto in un rapporto di coppia si rivive e sperimenta un legame di attaccamento profondo ed unico. Come quello che abbiamo vissuto da bambini.
Secondo lei perché è spesso attratto da donne che poi scopre essere problematiche? Cosa inconsciamente la attira? Le sceglie o si lascia scegliere da loro perché pensa di non piacere a donne diverse?

Cosa rappresenta per lei una donna con problemi? Come la fa sentire quando la aiuta? Ed una che non ne avesse, come la farebbe sentire?
A volte , senza rendercene conto sperimentiamo un certo stile relazionale nel quale, pur cambiando patner, il nostro ruolo resta immutato ( per es. Siamo noi quelli forti, quelli che risolvono i problemi).

Alcune volte senza quel ruolo non sapremmo più chi essere, come se un pezzo della nostra personalità ci venisse portato via o peggio pensiamo che non potremmo offrire nulla ad una donna che non sia problematica. Perché?

Ha provato a capire quale meccanismo scatta in lei, cosa le ricorda la sensazione che prova, se le è familiare, se le rammenta altro del suo passato. Provi a capire "perché mi sento così?  Quando mi sono sentito così in passato?".

In questo momento in cui è emersa così forte in lei l'esigenza di capire e cambiare, potrebbe esserle utile un percorso psicoterapico che la aiuti a fare luce sulle dinamiche inconsce che entrano in gioco durante i rapporti di coppia.
Cordialmente

Dr. Alessandra Carini
Psicologo - Psicoterapeuta
E.M.D.R. - Psicologo Forense

 

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 

Pubblicato in data 09/11/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: problemi affettivi, percorso terapeutico,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni