Pubblicità

..ripudio (42303)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 273 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Cecilia, 48anni (23.8.2001)

Buongiorno, sono Cecilia, 48 anni, sposata da 30, 3 figli: maschio 29 a. femmine 24 e 18.Impiegata responsabile amministrativa di una piccola comunità di recupero tossicodipendenti. Sto passando un anno nero; da fine 99 sono stata sottoposta a ritmi lavorativi tremendi, quando sono migliorati questi ritmi è nato mio nipote e sono cominciati guai con mio figlio e la moglie. A causa di questo o per caso, si è risvegliata la depressione in una maniera mai successa prima (per durata e intensità), è iniziata la menopausa e...dulcis in fundus anche i rapporti con l'ultima figlia si stanno deteriorando.
Mi sento persa, non ho emozioni se non negative, il pensiero del "ripudio" attuato da mio figlio non mi lascia mai e ho la sensazione che farò la stessa fine con la femmina. Il lavoro non mi interessa più anche se, quando ce la faccio, mi ci butto per avere altro in testa. Per la depressione sono in cura da una Psichiatra che ha diagnosticato disturbo bipolare, assumo maveral e litio carbonato; sono stati necessari tentativi diversi di dosi e combinazioni, che non sono ancora finiti: all'inizio ci sono miglioramenti poi ritorno a livelli di umore "piatto". Meno male che mio marito non perde occasione di dimostrarmi il suo amore e così la seconda figlia che però studia all'estero e torna solo per le vacanze. Queste sono le uniche note positive che riesco a vedere nella mia vita; non sono sempre stata così, non mi riconosco più. Riguardo mio figlio sono arrivata alla decisione di escluderlo dalla mia vita fino a quando lui deciderà che la sua famiglia di origine non è quell'immondezzaio descritto dalla moglie psicotica; non è facile, vorrei dare un paio di sonori ceffoni a tutti e due e vomitargli addosso la nostra sofferenza.
Con la diciottenne che reclama indipendenza e rispetto dei suoi stati "confusionali", ma non sa neanche da che parte cominciare per contraccambiare chi le sta vicino, bisognerebbe che una delle due lasciasse la casa, non sappiamo più come prenderla e io ho gettato la spugna ma viverle vicino....... Mi si consiglia di farmi scivolare addosso le situazioni, non l'ho mai fatto quando ero in forma..; adesso reagisco ignorando le persone, è l'unica arma che ho trovato finora. Mi rendo conto che alla domanda che volevo farvi so rispondermi da me: si, è meglio che segua anche una terapia psicologica oltre alla farmacologica e il terapeuta lo trovo sul vostro sito.Grazie comunque per l'attenzione.Ci sono articoli o pubblicazioni sull'argomento "ripudio dei genitori a causa delle mogli"?

Cara Cecilia, senza dubbio, in relazione ad una depressione della portata che Leidescrive la farmacologia da sola non può essere sufficente, occorre senza ombra di dubbio l'ausilio di una psicoterapia analitica, che sconfigga alle origini la Sua formazione depressiva. Purtroppo non conosco nessun articolo sul "ripudio dei genitori a causa delle mogli". Effettivamente mi sembra un argomento poco esplorato! Saluti e auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

News Letters

0
condivisioni