Pubblicità

1220 - Mancanza di erezione

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 217 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stevens, 30 anni (22.2.2000)

Vi riscrivo perché temo che la mia precedente e-mail non sia approdata, ho pochissima confidenza col PC.
Ho 30 anni.Sono stato per 5 anni con una ragazza che ho amato e, nonostante ora non siamo più insieme, continuo ad amare.La causa dell'interruzione del nostro rapporto è stata l'incapacita di avere un rapporto completo, nel senso che all'atto della penetrazione non c'era sufficiente erezione perchè questa avvenisse. Preciso che all'epoca entrambi non avevamo mai avuto esperienze sessuali complete. Ho fatto a suo tempo l'esame del dosaggio ormonale coi seguenti risultati,LH 7,4, FSH 4,1 RapportoLH/FSH 1,8 Prolattina 10,3 Testosterone 4,70, Testosterone libero 23,8.
Successivamente sono stato con 2 ragazze per diverso tempo ma sia con l'una che con l'altra si sono presentati gli stessi problemi che però ho mascherato con l'uso del Viagra.Peraltro ne assumevo una quantità pari, facendo una stima ad occhio, a 15 mg, massimo 20 avendo delle reazioni più che soddisfacenti per non dire quasi ottime.E' stato assumendo tale farmaco che 2 anni fa sono riuscito ad avere il primo rapporto completo.Ho quasi tutte le mattine al risveglio erezioni soddisfacenti e prolungate.A volte ne ho durante la giornata. Di solito le erezioni che posso avere con la partner senza l'ausilio di quel pochetto di Viagra, non vanno oltre la fase della tumescenza; un pò ci metto del mio perchè ormai ho paura anzichè provare desiderio quando mi trovo nella situazione cruciale, ma anche quando la paura non è allo stato cosciente la musica non cambia, solo se sicuro della reazione, e sappiamo come, il desiderio va alle stelle. Ho delle erezioni normali se pratico l'autoerotismo seguendo magari film a tema sessuale, per usare un termine simpatico.
Le confesso che la mia situazione comincia a darmi seri problemi di equilibrio nel senso che è diventato l'obiettivo e l'oggetto dei miei pensieri da quando mi sveglio sino a quando dormo.
Sono stato da un andrologo, il quale mi ha giustificato tutto con un'ansia da prestazione; ma dopo un anno, quasi due, di rapporti completi, anche se aiutati da quel pochetto di pillola blu, l'ansia da prestazione dovrebbe essere un ricordo.Mi rendo conto che le notizie sono poche e che magari questa non è la sede giusta per un consulto, ma curiosando qua e là sul tema, cercando di capirci qualcosa in più sono capitato sul suo sito e mi sono detto , perchè no?Magari mi darà il consiglio giusto.
Steven Lei ha assunto per diverso tempo il viagra nonostante la sua giovane età e altri preparati in commercio meno dannosi poi ha avuto esperienze anche con professionisti. Cio che si può dire a questo punto è di sospendere l'uso del viagra che mi sembra poco adatto ma piu adatto è cercare di capire le cause di quella che viene chiamarta disfunzione erettile che si risolve facilmente con un sessuologo comportamentale o uno psicoterapeuta
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

News Letters

0
condivisioni