Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Abusi (104057)

on . Postato in Sessualità | Letto 2 volte

Angela 22

Vivo in una famiglia che mi vuole bene ne sono più che si cura ma all'età di 13 anni e mezzo per la durata di tre anni, più qualche piccolo avvenimento negli anni avvenire l'ultimo proprio a natale dell'anno scorso, ho subito abusi da parte di mio padre. Mi sono odiata terribilmente e lo odio ma gli voglio anche bene. Scappai anche di casa con la speranza di risolvere questo problema. Ormai per fortuna è da un anno che non mi tocca più anche perchè gli sto il più lontano possibile quelle volte che torno a casa visto che ora studio fuori. Il primo e il secondo anno che ho vissuto fuori non me ne fregava niente del mio corpo mi facevo del male da sola. Mi facevo schifo per l'odio che provavo per mio padre ora me ne sono fatta una ragione però allora davo anche il mio corpo senza amore. Mi ferivo anche così. Ora sto con un ragazzo che amo ma non riesco più a fare l'amore questo atto lo vivo come un qualcosa di brutto non lo desidero lo faccio solo quando lui lo desidera ma non mi viene da dentro eppure credo di amarlo. Credo che tutto il sesso maschile pensi solo a quello a toccare e basta e niente più. Non so che pensare. Spero che mi possiate dire qualcosa. Grazie lo stesso

Gentile Angela, purtroppo un’esperienza come quella dell’abuso (soprattutto da parte di un padre) è una delle cose più traumatiche che possano verificarsi nella vita di una persona. Ed accade molto spesso che l’odio che si prova per la persona che ha perpetrato l’abuso si trasformi in odio per sé stessi. Il fatto che lei adesso possa sentire sia l’odio che l’ affetto nei confronti di suo padre la pone già in una posizione privilegiata rispetto a molte altre persone che hanno avuto la sua medesima esperienza. Fortunatamente, gli uomini non sono tutti uguali, non tutti pensano solo al sesso né tutti sono approfittatori, e il fatto che lei sia innamorata le dimostra tutto ciò. Provi a considerare questo amore come un’occasione, provi a pensare che, visto che è riuscita ad innamorarsi di un ragazzo, questo potrebbe significare che lei è pronta ad affrontare il suo trauma; credo che la strada migliore sia una psicoterapia, credo che non sarà né breve né facile, ma credo anche che ne valga la pena. Le faccio molti auguri

(risponde La dott.ssa Serena Leone)

 Pubblicato in data 20/06/07

<

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters