Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Abusi infantili (164547)

on . Postato in Sessualità | Letto 18 volte

Martina, 27

Gentile dottore,
vi scrivo tentando un primo approccio con un esperto in materia. Mi chiamo Martina, ho 28 anni e sono felicemente sposata, attualmente conduco una vita serena e priva di conflitti. Sono mamma di una bambina di 2 anni e in dolce attesa della seconda. Nel mio passato ho vissuto però una vita caotica segnata da un'infanzia traumatica ( padre tossicodipendente, divorzio dei genitori, violenza domestica etc,,.) ma, grazie ad una buona terapia in etá adolescenziale sono riuscita a rielaborare il tutto. Il problema attuale é questo. Durante la prima gravidanza ho cominciato ad avere incubi ricorrenti in cui assistevo a scene di carattere pedopornografico, gli incubi si protraggono tutt'oggi e mi lasciano fortemente sconvolta. All'inizio sognavo di entrare casualmente in una stanza e vedere un adulto obbligare un bambino a cose come sesso orale o sodomia ( i soggetti mi erano sconosciuti ) poi con il passare del tempo ho cominciato a " personalizzare" questi soggetti fino a diventarne io stessa l'adulta "carnefice" del mio sogno. Ieri notte ad esempio ho sognato di fare sesso con un bambino (sconosciuto) mentre stanotte ( ancora più sconvolgente) nel sogno scoprivo che mio marito si masturbava davanti a mia figlia. Spero capisca la mia apprensione, ho paura che tutto ciò nasconda un abuso subito e poi rimosso e mi chiedo se la rimozione totale sia possibile. Voglio dire, da piccola ho subito numerosi traumi che però ricordo benissimo, è possibile che io abbia davvero subito o assistito ad un abuso nell'infanzia per poi rimuoverlo totalmente? E se sì, è davvero necessario e possibile far riemergere certi ricordi in un periodo per me così delicato e felice come questa gravidanza? Cosa mi consiglia di fare? La ringrazio per la sua attenzione. Martina


Cara Martina,
dal racconto si evince una vita esistenziale abbastanza disturbata fin dalla tenera età. I sogni e le perplessità descritte secondo il mio parere fanno parte di un vissuto problematico dove l'abuso era di normale attuazione,leggo che hai fatto una terapia in età adolescenziale ma sei sicura che sia bastata? Ho la sensazione che qualcosa ancora da rimuovere esista e per questo ti consiglio uno psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti a trovare quell'equilibrio e serenità che vai cercando. Ti auguro un buon proseguimento ddella gravidanza e i sogni possono apparire poiché attualmente sei più debole, ma tutto rientra nella natura. Auguri

(Risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicato in data 30/05/2014

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

News Letters