Pubblicità

Abuso sessuale (9641)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 29 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessia, 27 anni

Buon giorno, all'ètà di 12 anni, ho subito degli abusi sessuali da parte di mio cucino che lui al tempo aveva 14 anni. Non mi ricordo molto di quel giorno ma ci sono delle immagini che nonostante tutto questo tempo li ricordo come vedessi un film, ricordo il modo in cui mi toccava e si muoveva e le mie urla.
HO nascosto questo fatto per anni finchè un giorno a 16 anni ho avuto il mio primo ragazzo, avendo dei problemi nel rapporto sessuale ed essendomi resa conto di quello che era successo anni prima, mi sono confidata con lui. Era un tipo impulsivo,ha scatenato un'inferno con la mia famiglia e la famiglia di mio cugino; i miei genitori non sapevano nulla e quando l'anno scoperto hanno detto che erano delle ragazzate e che per questo non potevano certo rovinare il rapporto tra fratelli così mi hanno costretto a dire che mi ero inventata tutto.
E' stato terribile, forse più della violenza stessa.
Da allora ho sempre fatto finta di nulla e mi ero autoconvinta che non era a me che erano successe quelle cose; finchè non ho conosciuto una ragazza che è diventata la mia migliore amica che ha vissuto anche lei un'esperienza di violenza, e questo fatto ha riportato a galla tutte le mie paure e ricordi.
Ho sempre avuto ed ho tutt'ora delle reazioni incontrollabili difronte a certe situazioni (non esco la sera da sola, se mi si avvicina qualcuno che non conosco ho un crampo allo stomaco, certi modi di essere toccata, certe posizioni nel fare l'amore, non riesco ne a vedere ne sentire scene di violenza nemmeno nei film, se devo andare dal ginecologo poi... ).
Ora sono spostata da 3 anni, mio marito è una persona splendida e nonostante il fatto che ci conosciamo da 10, ho avuto solo ora il coraggio di raccontargli tutto, è molto comprensivo e mi stà aiutando molto; ma vorrei poter uscire senza il terrore che mi capiti qualcosa e non sò come fare a farmi passare queste paure.
Sarei molto contenta se riuscisse a rispondere alla mia lettera. Grazie e arrivederci

Cara Alessia senza dubbio avere accanto una persona affettuosa e solidale ti può essere di grande aiuto ma per poter superare in maniera più radicale le conseguenze negative lasciate dalle esperienze traumatizzanti del passato sarebbe opportuno prendere in considerazione una psicoterapia. Hai perfettamente ragioni quando affermi che non essere creduti o non essere contenuti dalle persone di riferimento più importanti è subire una violenza peggiore.
Auguri

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

News Letters

0
condivisioni