Pubblicità

Accettare il passato del partner (106943)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 51 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marco 23

Salve, sono Marco, ho 23 anni e la mia attuale fidanzata ne ha 24. Stiamo insieme da 8 mesi, ma ci conosciamo da 2 anni. Sono ossessionato dal passato sessuale della mia ragazza (abbiamo parlato molto del nostro passato all'inizio della storia). Cioè, finchè non mi sono innamorato non me ne fregava niente, poi è cominciato a fregarmene, ma non è mai stato un problema, scacciavo i brutti pensieri e ritornavo subito quello di sempre. Nelle ultime 3 settimane è invece diventato un vero incubo, non riesco più a esser felice. Forse in un momento di insicurezza ci ho pensato troppo e son finito in un vortice. Ho pure battito accelerato e spossatezza generale. Lei non ha un passato sessuale, peraltro, difficile: un'avventura con uno a 16 anni (errore che fatica a perdonarsi lei stessa, un pò squallido forse come avvenimento e che ammetto mi fa più rabbia che gelosia) e 2 storie importanti di 3 anni ciascuna. Io invece vengo da una storia importante di 5 anni finita un anno e 2 mesi fa. Il punto è che in pochi giorni sono finito in una specie di vortice di pensieri e film mentali che mi fan passare anche la voglia, oltre che di vederla, di avere rapporti con lei, perché all'atto, appena si spoglia, mi vengono flash degli altri che l'hanno avuta, o mentre lo facciamo penso che prima era tra le loro braccia e chissà che facevano ecc ecc... Dal punto di vista fisico non ne risento molto, riesco ad avere rapporti comunque soddisfacenti (anche se non come prima), ma non con la spensieratezza che c'era fino a un mese fa. Sessualmente mi ha sempre detto (anche prima e senza che gli chiedessi niente) di esser contenta. E la cosa forse incongruente è che finchè son da solo non ho molta voglia di vederla poi quando sto con lei, tra le sue braccia magari a vedere un film o a passeggiare va meglio, mi tranquillizzo, sento quanto la amo. E' brutto, gliene ho parlato e vedendomi così ne soffre molto e non è giusto. E' una ragazza fantastica, non si merita questo. E' follemente innamorata di me e con lei ho trascorso i 7 mesi più belli della mia vita; ora voglio solo ritornare a essere come eravamo. So che il passato non si cambia, va solo accettato ma tra il dire e il fare c'è il mare di mezzo, mi sto sforzando di pensare solo alle cose belle. Ho pensato anche di chiedere una pausa per risollevarmi. Dentro di me le ho pensate veramente tutte, pure di tradirla per risollevare l'ego ed esser forse più sicuro di me stesso. Il punto è che un passato lo abbiamo tutti, quindi ricapiterà con qualunque ragazza, di cui mi innamori. Io stesso ho un passato e una storia alle spalle di 5 anni che la spaventa come importanza che ha avuto per me, eppure lei riesce a guardare avanti. La ringrazio anticipatamente per il preziosissimo aiuto.

Caro Marco, l'evento scatenante è il passato della tua ragazza, ma la realtà è che sei una persona con problemi di autostima. Stai provando gelosia per quello che è un normale percorso di crescita. L'individuo, al di là del sesso, segue un determinato processo di sviluppo, nel periodo prepuberale comincia a provare nuove pulsioni che lo portano a provare interesse per l'altro e questo lo porterà a cercare un riscontro per poter sperimentare le proprie emozioni. Purtroppo non tutte le esperienze risultano felici e con il tempo ci si può anche pentire di averle fatte ma anche queste, purché non lascino segni indelebili, servono. Gli individui che durante il loro sviluppo evolutivo non fanno questo tipo di esperienze molto probabilmente nascondono qualche difficoltà nell'affrontare con naturalezza le varie fasi della vita. Questa premessa per farti capire che il problema è dentro di te, la tua insicurezza ti porta a sopravvalutare fatti e situazioni che per la tua ragazza fanno ormai parte del passato. Il mio suggerimento è quello di impegnarti a capire da cosa può derivare tutta questa insicurezza anche perché andando avanti c'è la possibilità che la gelosia si manifesti anche in altri settori della tua vita. Le persone insicure sono gelose degli amici, dei colleghi, dei partners in quanto temono il loro giudizio e si sentono inferiori. Tradire per te significherebbe frustrare ulteriormente la tua autostima e allontanarti da lei non ti allontanerebbe dai fantasmi che albergano dentro di te. Puoi provare a consultare su www.psychostore.net i libri delle edizioni ecomind; troverai sicuramente il titolo di qualche testo che tratta di autostima e che potrebbe esserti d'aiuto. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Maria Assunta Consalvi)

Pubblicato in data 09/10/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

News Letters

0
condivisioni