Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adolescenza e sessualità (112489)

on . Postato in Sessualità | Letto 13 volte

 

Diego 17

Buonasera. Finalmente dopo molto tempo ho deciso di chiedere aiuto riguardo ai miei problemi. Sono stato in cura per due anni presso uno psicologo locale, ma data la sua amicizia con i miei genitori non ho mai parlato di quelli che penso essere i miei veri problemi.

Sono cresciuto dall'età di 8 anni senza padre (i miei genitori hanno divorziato) e a causa di questo penso di rientrare nel complesso di edipo.

Devo prima premettere che non ho mai considerato importante la famiglia, tanto da tenere molto di più al mio migliore amico che a mia madre. Da circa un anno e mezzo, mi sono reso conto di essere omosessuale, ma non ne ho mai parlato a nessuno e nessuno si è mai accorto di nulla. Infatti ho sempre cercato di nascondere la mia omosessualità. Questo perché fino a quasi due anni fa non avevo amici e passavo la mia vita in casa. Due anni fa circa ho iniziato ad uscire e a conoscere degli amici. Ormai sono molto affezionato a queste persone, soprattutto ad alcune, e proprio per questo ho sempre "recitato" l'eterosessualità. Il problema è che mi son reso conto che da circa un anno sono (penso di esserlo) innamorato del mio migliore amico (che non sospetta assolutamente nulla) a tal punto da pensare che se ce ne fosse il bisogno morirei per far star bene lui.

Vorrei parlargli di questa mia sessualità senza accennare a ciò che provo per lui, solo che ho paura che non riesca a comprendermi e preferisca "scappare", invece di accettarmi così come sono.

E' vero che se non accetta ciò che sono probabilmente non è così mio amico, però il problema è che non riesco a trovar un senso alla mia vita senza la sua amicizia e la sua vicinanza e questo mi frena dal parlargli di me.

Ora chiedo a voi un consiglio, sperando che qualcuno possa aiutarmi.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Caro Diego, la semplicità e la linearità di pensiero ci aiutano a semplificare la vita, dovresti evitare di assumere il ruolo dell'eterosessuale soltanto per farti accettare dai tuoi amici, se il tuo orientamento sessuale è veramente diverso il primo ad accettarlo devi essere tu, il resto verrà di conseguenza.

Prima di parlare agli altri dei tuoi convincimenti dovresti cercare di appurare la veridicità di questa ipotesi, alla tua età può capitare di essere attratti da persone del proprio sesso, ma spesso si tratta soltanto di ammirazione, prova a vedere quale tipo di emozioni riesci a sollecitare pensando ad una relazione sessuale con il tuo amico, se le emozioni saranno di tipo negativo devi cercare di chiarire quello che ti sta succedendo consultando uno psico-sessuologo.

Auguri.

(risponde la Dott.ssa Maria Assunta Consalvi)

 

 

Pubblicato in data 03/02/08

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi confronti. Nella forma più comune di...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

matrimonio, figli, amante (151…

tosca, 35     Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters