Pubblicità

Affettiva (018229)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 382 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Claudio, 28 anni

Buongiorno,cercherò di essere il più chiaro possibile,Ho una storia da 2 anni con una ragazza che ho conosciuto in ambiente di lavoro (lo spettacolo), mi sono subito innamorato di lei come mai prima e nella maniera più potente che abbia mai conosciuto, tanto da accettare e capire cose di lei ed inevitabilmente di me che sicuramente non avrei mai fatto in altre situazioni, lei è abbastanza diversa da me, inizialmente lei non mi vedeva quasi ma io sentivo che poteva davvero esserci qualcosa e non ho mollato fino a che anche lei, a suo dire , si è innamorata. Ora viviamo assieme, vogliamo costruire qualcosa insieme, ma i problemi sono tanti, ci sono dei momenti che rasentano il paradiso ed altri che mi mandano in fondo al burrone , mi sparerei quasi, sto male e piu sto male e più lei si infastidisce, solo ieri o compreso quanto sono succube di lei ,mi è venuto in mente ad l"esempio della donna sempre picchiata dal proprio uomo che dice "e ma è colpa mia sono io che lo fatta arrabbiare" ed alla fine delle super litigate sono sempre io che alla fine mi convinco di avere sbagliato e chiedo sempre scusa e torna tutto apparentemente normale non so se averglielo detto forse può aver cambiato qualcosa, fattostà che abbiamo anche problemi sessuali del tipo che non lo facciamo più, e lei mi dice "e ma non dobbiamo dirlo che lo facciamo, deve capitare," questo e vero ma io o finito per chiederglelo perche comunque non lo facciamo quasi più, cmq lei si arrabbia, so che c"è un grande amore ma e tutto ormai soffocato da tutti questi problemi. Perche? a certe cose non ci si può passare sopra piuttosto che ingrandirle e renderle dei macigni?io la amo troppo per pensare che non c"è piu niente da fare ma lei perchè non fa qualcosa?mi spiace dello sfogo, secondo voi che mi succede? e che si fa in qesti casi?

Caro Claudio in questi casi con un minimo di lungimiranza, rispetto di se e capacità di affrontare la sofferenza si fa appello a tutte le risorse necessarie e si mette fine alla storia. Una relazione affettiva dovrebbe essere frutto di una libera scelta e quindi fonte di serenità e benessere dove i litigi, le incomprensioni dovrebbero essere momenti di confronto, di riflessione e quindi di crescita, nella vs c'è tormento e distruzione. La dipendenza è il motivo che non ti permette di vedere la situazione nella sua piena realtà e ti costringe ad una sofferenza sterile. Per poterti dare un'opportunità di crescita che ti permetta di effettuare in maniera adeguata il processo di separazione dalla tua attuale compagna, ma anche per imparare a gestire tutti i rapporti affettivi, ipotizzo che ti sarebbe molto utile il supporto di uno specialista.
Auguri

( risponde la dott.ssa Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Ansia

L’ansia è una sensazione soggettiva caratterizzata da un senso spiacevole di apprensione e preoccupazione spesso accompagnata da sintomi fisici di tipo autonomi...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

News Letters

0
condivisioni