Pubblicità

Affettiva (0182291)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 53 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Claudio, 28 anni

Buongiorno,cercherò di essere il più chiaro possibile,Ho una storia da 2 anni con una ragazza che ho conosciuto in ambiente di lavoro (lo spettacolo), mi sono subito innamorato di lei come mai prima e nella maniera più potente che abbia mai conosciuto, tanto da accettare e capire cose di lei ed inevitabilmente di me che sicuramente non avrei mai fatto in altre situazioni, lei è abbastanza diversa da me, inizialmente lei non mi vedeva quasi ma io sentivo che poteva davvero esserci qualcosa e non ho mollato fino a che anche lei, a suo dire , si è innamorata.

Ora viviamo assieme, vogliamo costruire qualcosa insieme, ma i problemi sono tanti, ci sono dei momenti che rasentano il paradiso ed altri che mi mandano in fondo al burrone , mi sparerei quasi, sto male e piu sto male e più lei si infastidisce, solo ieri o compreso quanto sono succube di lei ,mi è venuto in mente ad l"esempio della donna sempre picchiata dal proprio uomo che dice "e ma è colpa mia sono io che lo fatta arrabbiare" ed alla fine delle super litigate sono sempre io che alla fine mi convinco di avere sbagliato e chiedo sempre scusa e torna tutto apparentemente normale non so se averglielo detto forse può aver cambiato qualcosa, fattostà che abbiamo anche problemi sessuali del tipo che non lo facciamo più, e lei mi dice "e ma non dobbiamo dirlo che lo facciamo, deve capitare," questo e vero ma io o finito per chiederglelo perche comunque non lo facciamo quasi più, cmq lei si arrabbia, so che c"è un grande amore ma e tutto ormai soffocato da tutti questi problemi.

Perche? a certe cose non ci si può passare sopra piuttosto che ingrandirle e renderle dei macigni?io la amo troppo per pensare che non c"è piu niente da fare ma lei perchè non fa qualcosa?mi spiace dello sfogo, secondo voi che mi succede? e che si fa in qesti casi?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Caro Claudio in questi casi con un minimo di lungimiranza, rispetto di se e capacità di affrontare la sofferenza si fa appello a tutte le risorse necessarie e si mette fine alla storia. Una relazione affettiva dovrebbe essere frutto di una libera scelta e quindi fonte di serenità e benessere dove i litigi, le incomprensioni dovrebbero essere momenti di confronto, di riflessione e quindi di crescita, nella vs c'è tormento e distruzione.

La dipendenza è il motivo che non ti permette di vedere la situazione nella sua piena realtà e ti costringe ad una sofferenza sterile. Per poterti dare un'opportunità di crescita che ti permetta di effettuare in maniera adeguata il processo di separazione dalla tua attuale compagna, ma anche per imparare a gestire tutti i rapporti affettivi, ipotizzo che ti sarebbe molto utile il supporto di uno specialista.

Auguri

( risponde la dott.ssa Assunta Consalvi )

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Tags: dipendenza affettiva

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

News Letters

0
condivisioni