Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Affettività (124576)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Andrea 16

Sono un ragazzo omosessuale, sono cresciuto in una situazione familiare stabile, i miei genitori mi hanno educato discretamente e hanno sempre svolto il loro ruolo. Da quando ho scoperto la mia omosessualità, ho convissuto male con essa fino ai 15 anni (8 anni dopo essermene accorto). Da qualche tempo frequento chat per incontri di sesso occasionale, ho fatto sesso la mia prima e seconda volta rispettivamente con 2 ragazzi diversi conosciuti in chat; dopo la prima volta mi sono sentito vuoto, e non capivo perche l'avessi fatto. Mi sono promesso che nn lo avrei rifatto ma è successo di nuovo, il primo è stato piu freddo perche voleva solo del sesso, il secondo è stato dolce e romantico mi ha trattato benissimo ed era contrario all'idea che io volessi fare sesso occasionale con lui. Tornato a casa dopo la seconda esperienza mi sentii poco bene, emotivamente, provavo rimorso ed ero confusissimo. Ogni tanto mi passa ancora per la mente l'idea di continuare a fare sesso, è diventato come un modo per conoscermi, per gestire qualcosa, non so il perche di questa deviazione verso il sesso occasionale, vorrei capirmi, essere capito e aiutato. Considero la mia, una richiesta molto urgente, aspetto con ansia la vostra risposta. Grazie.

Caro Andrea la tua omosessualità, come hai descritto è accettata sia da te che dai tuoi cari, è chiaro che se continui a chattare incontrerai sempre persone che con ambiguità desiderano conoscerti. Io consiglio di consultare uno psicoterapeuta per avere un rafforzativo nell'autostima e nella chiarezza dell'omosessualità per incontrare persone non in chat, ma frontalmente frequentando anche locali dove di soliti si può incontrare chi condivide l'esperienza espressa non per puro sesso, ma per affetto. Voglio ricordarti, che nella mia esperienza professionale, coppie stabili nell'omosessualità maschile non ne esistono molte, durano un lasso di tempo più o meno lungo, ma non durature, quindi rifletti su ciò che desideri fare e affrontare come coppia. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 12/09/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Non so più che fare (153056873…

Alessia, 16     Non so più che fare, passo ogni giorno come se fossi in una bolla dove solo io sono in grado di capirmi, non si più davvero dove ...

Ansia, paura agitazione a caus…

Linda, 20     Salve, sono linda ho da un anno paura del vento, quando è forte pensavo mi fosse passata ma a quanto pare non è cosi anche perché o...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

News Letters

0
condivisioni