Pubblicità

Affettività (50615)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 43 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Costanza, 22 anni, 09.06.2002

Da bambina ho subito molestie da parte di due cugini: la prima volta è accaduto quando andavo alle elementari e non ero consapevole di ciò che accadeva. Alle medie ho "subito" molestie da parte di un altro cugino ma questa volta subivo quasi volontariamente perchè provavo piacere anch'io. Si è concluso tutto con un gran senso di colpevolezza e vergogna. Ora sto con un ragazzo ma non sono molto serena perchè ho paura di essere giudicata male per la mia eccessiva passionalità. La cosa che mi turba è che ho cominciato a notare molte somiglianze nel modo di fare tra questo mio ragazzo e il cugino "delle medie" e il senso di vergogna ritorna a farsi sentire. Mi sento come una prostituta. Il tutto è aggravato dal fatto che siamo entrambi cattolici praticanti e la voglia di conoscerci anche fisicamente è accompagnata dalla paura di non "spingersi troppo in là". Vorrei capire se è possibile cancellare questo senso di vergogna senza lasciare questo ragazzo che trovo splendido.

Cara Costanza, molto importante è conoscere l'età dei tuoi cugini. Se fossero stati tuoi coetanei, le esperienze di esplorazione corporea farebbero parte della normale evoluzione. Qualora, invece, i tuoi cugini fossero stati più grandi di te, hanno approfittato della tua ingenuità. Ricorda che nell'ambito degli abusi c'è un unico 'colpevole': l'abusante, quindi tu sei stata vittima ed per questo che non devi sentirti in colpa. Inoltre, provare sensazioni di piacevolezza, legate alla sessualità, è normale. La sessualità è piacevolezza, ma ricorda che in ogni caso hanno approfittato di te, quindi, perchè sentirsi in colpa per qualcosa di cui non si è responsabili? I sentimenti di colpa provengono dalla rigidità della nostra morale cattolica, che ha, da sempre, considerato la sessualità come qualcosa di 'peccaminoso e sporco'. Questa visione della sessualità è restrittiva, anche perchè la sessualità ha svariate sfaccettature: è ludica, relazionale e può essere anche procreativa. Desiderare e provare piacere in ambito sessuale è molto bello. L'amore, poi, non è ne' prostituzione ne' vergogna e se tu questo ragazzo lo ami, liberati da tutti questi sciocchi preconcetti, altrimenti non vivrai mai serenamente il rapporto di coppia.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale. Le allucinazioni si presenta...

Fissazione

Il termine fissazione può avere significati diversi: Rinforzo di una tendenza o reazione, che porta alla nascita di un ricordo o di una abitudine motoria. F...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters

0
condivisioni