Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Affettività omosessuale (119122)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 14 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Schamsa 21

Salve prof., avrei bisogno di un consiglio. Sono un ragazza 21enne lesbica che vive a Dublino con mia sorella, mio amikco e la mia migliore amica lesbica. Io e la mia amica siamo andate spesso e volentieri a letto parecchie volte, ma diciamo che non capivamo se eravamo una coppia o meno, io sono piu' maschile invece lei e' piu' femminile. Entrambe ci piacciamo, ma non va caratterialmente tra di noi. Mi ha sempre detto: "mi piace venire a letto con te ma non mi innamorerò mai perchè c'è qualcosa che non va. Adesso sta conoscendo una ragazza molto più maschile di me che le fa ricordare il suo primo ragazzo di cui si era innamorata. Mi ha detto di rimanere amiche, perchè è meglio l'amicizia tra noi, talmente che è contenta non mangia neanche più. Io invece continuando a vivere a casa con lei, sto sempre piu' male perchè mi attrae ancora e quando va a dormire fuori da lei, io comincio a pensare durante la notte, non dormendo, immagino cosa possono fare. Mi fa male pensare che sia con lei, perchè  io sono andata a letto con lei, un qualcosa vicino che mi fa riemergere tutto. Voglio cercare da una parte di essere amica, ma dall'altra di essere l'unica. Fa così male che sta con un'altra mentre io sono a casa sola. Sono triste perche' mi manca un qualcosa che prima mi copriva , il fatto di stare insieme, vedere i film.. Adesso invece sta diventando più difficile. Cosa devo fare? A volte non dormo del tutto e sto solo male pensando che lei e' spogliata davanti a l'altra ragazza. Per me Raffaella e' tutto ,come se dipendessse da me. Cosa devo fare? Aiutoooo.

Cara Schamsa, che devi fare? Innanzitutto devi essere sincera con te stessa e capire se puoi condividere o meno questa amicizia. A volte quando le storie finiscono (anche se abbiamo deciso che non erano storie) c'è bosogno di dare un taglio netto e certo vederla tutti i giorni non è una buona soluzione, soprattutto perchè ora sta con un'altra. Stai male perchè la rivuoi o forse non vuoi che stia con un'altra prima che anche tu abbia trovato qualcuno con cui stare, ma la soluzione è semplice: devi fare una scelta. Puoi accontentare la sua richiesta di restare amiche e trovare un modo per fartela passare, dichiararti e vedere se torna da te, o chiederle un allontanamento anche solo momentaneo. Scegli con cautela, perchè anche se si può tornare spesso sui propri passi, a volte le cose dette rimangono a lungo! Auguri! 

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 31/05/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fine di un amore senza motivo …

tz86, 31     Buongiorno, è circa un mese che sono stato lasciato dalla mia ragazza. Una relazione breve, circa un anno. Ma molto intensa e bella...

Difficoltà nelle relazioni con…

io, 25     Lavoro in un codominio come portiere, da un po' di tempo ho come la sensazione che si approffitino di me. ...

Distacco dai genitori (1526380…

Alice, 25     Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni che lavora. Ho un fidanzato e per fine anno vorremmo andare a convivere. ...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

News Letters

0
condivisioni