Pubblicità

Amore e sessualità (103791)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 25 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Rebecca 23

Mi trovo a scrivere perchè vorrei un parere circa una questione che mi affligge: ho grosse difficoltà a lasciarmi andare con un uomo ed innamorarmi. Premetto che vengo da una famiglia non felice, il divorzio dei miei genitori quando avevo un paio d' anni mi ha portato a crescere con i nonni, con un padre quasi totalmente assente ed incurante ed una madre che è sempre sembrata troppo presa a ricercare la sua serenità e realizzazione personale (pia illusione per quanto la riguarda). A circa 6 o 7 anni ho subito ripetute molestie sessuali da parte di un patrigno, episodi che ho raccontato a mia nonna, che però non ha mosso un dito, probabilmente più preoccupata a salvare le apparenze e il fragile equilibrio psicologico di mia madre, la quale, a dir suo, "poverina, è sempre nervosa". Dopo un' adolescenza più che turbolenta segnata da anni lunghi e bui di disturbi alimentari ed autolesionismi in genere, finalmente, grazie ad un nuovo approccio alla terapia sto prendendo in mano la mia vita, ricominciando ad amarmi. Non è un percorso facile e ci sono aspetti della mia personalità che fatico a cambiare, come, per esempio, l' incapacità di innamorarmi, di raggiungere orgasmi e la tendenza a sciegliere sempre uomini che in un modo o nell' altro sono sbagliati per me. E che appunto per questo lascio dopo pochi mesi, sempre io, prima che magari lo facciano loro. Mi rendo conto che questo attaggiamento mi sta ogni giorno più stretto, ma all' atto pratico, dovendo andare oltre l' attenta autoanalisi che ho imparato a fare con gli anni e gli studi, continuo a trovarmi in difficoltà e sono a dir poco terrorizzata al pensiero che i miei sentimenti prendano il sopravvento per poi farmi soffrire...

Gentile Rebecca, mi sembra che lei abbia effettivamente una grossa capacità di autoanalisi, e che in qualche modo si sia anche data la risposta sul perché non riesca ad innamorarsi e a lasciarsi andare. Mi sembra di capire, da quanto mi ha scritto, che le figure fondamentali della sua infanzia siano state tutte a loro modo incapaci di darle l’affetto di cui aveva bisogno. E questo è un aspetto fondamentale quando si arriva all’età adulta, al momento dell’innamoramento, che è una sorta di salto nel buio, un affidarsi senza riserve. Il fatto che lei abbia difficoltà ad abbandonarsi, che scelga sistematicamente uomini sbagliati, molto probabilmente ha a che fare con le sue esperienze. Ma mi sembra anche che lei abbia fatto un lungo lavoro terapeutico, e che abbia raggiunto lo scopo fondamentale che è amarsi, senza di questo non si può fare quasi nulla. Ciò che posso dirle è che amare sé stessi è il primo passo, e poi viene l’amore per gli altri. Continui su questa strada, cara Rebecca, resista finchè si sentirà pronta a gettarsi in questa esperienza di totale coinvolgimento. Le faccio molti auguri

(risponde La Dott.ssa Serena Leone)


Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Test di Rorschach

Test proiettivo che consente di tracciare un profilo di personalità attraverso le risposte verbali che un soggetto fornisce a una serie di stimoli ambigui. &...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

News Letters

0
condivisioni