Pubblicità

Amore Gay (162550)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 272 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Franceso, 29

 

Gentile Dottore,
mi chiamo Francesco e ho 29 anni. Nella mia vita ho avuto parecchie delusioni da persone che credevo mi volessero davvero bene invece hanno dimostrato il contrario.
Rimasto solo, con un lavoro che non mi piace (nonostante nella mia vita abbia fatto un sacco di sacrifici per lo studio, per il lavoro, per la famiglia e per gli amici) sono caduto in uno stato di depressione, volevo solo morire. Poi si avvicina un ragazzo di dieci anni più giovane di me con tanta voglia di vivere. Inizialmente lo consideravo come un amico, poi il fratello che non ho mai avuto al quale poter insegnare qulcosa per sentirmi utile (sono figlio unico), e poi mi sono innamorato alla follia e tutt'ora stiamo insieme. Di questa storia non sa niente nessuno. Lui dice di essere innamorato di me ma purtroppo non gli basto, scrive parecchi messaggi a ragazze, si diverte su facebbok a commentare i loro link e lo vedo spesso interessato a guardare video porno. Io lo capisco è l'età, lui è normale io no.
Piuttosto che perderlo gli ho spiegato più volte che se vuole uscire con le ragazze anche se la cosa mi fa soffrire lo deve fare. Tra di noi cambierà solo la parte fisica del rapporto (se va con una non riuscirei più a stare con lui) per il resto cercheremo di comportarci come fratelli seppur non potrò negare almeno a me stesso i sentimenti che provo per lui.
Da allora non guardo più le ragazze e non mi interssano, i ragazzi non mi sono mai interessati come tutt'ora e vivo nel terrore di perderlo. Lui mi dice trovati una ragazza, fatti una famiglia, il nostro amore non è possibile in questo mondo... io gli dò ragione ma torno a casa e mi metto nel letto a piangere come un bambino perchè lo amo troppo. Non riesco a fare a meno di lui. Amo tutto di lui, ma amo soprattutto la sua anima.
Penso che nella mia vita non riuscirò a provare più niente di simile e paragonabile a quello che sento adesso. Sento che più si va avanti più la fine si avvicina. So bene la realtà ma non riesco a non amarlo. Per lui ho fatto di tutto per vederlo felice e forse lui ha paura di ferirmi perchè sa quanto sono fragile. Mi dispiace tanto per lui e non so come comportarmi. Quando mi dice che mi ama la mia vita cambia e anche se piove per me c'è il sole ma basta lo squillo di un messaggio a riportarmi nella realtà.
Non so proprio cosa fare anche se sono pochi mesi vorrei vivere questo amore.


Caro Francesco,
dal racconto si evince che più di una spiegazione sull'amore omosessuale necessiti di una autoanalisi per trovare quella serenità che manca.
Il ragazzo che hai incontrato probabilmente è eterosessuale con punte di bisessualismo, ma senz'altro opterà con il tempo per l'eterosessualità e quindi penso che rimanere amici o fratelli sia la cosa più equa da fare.
Per combattere la depressione relazionale ti consiglio di consultare uno psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti nel trovare il tuo vero orientamento sessuale e difenderlo poiché anche l'omosessualità è parte integrante della natura umana.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Sergio Pugelli)

Pubblicato in data 22/07/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficolta' a dimenticare [159…

Alidra82, 38 anni Gentili dottoriIl mio problema puo' sembrare molto banale, ma e' un problema che limita molto la mia vita e da cui non riesco a liberarmi...

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vien...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

Attaccamento

“Ogni individuo costruisce modelli operativi del mondo e di se stesso in esso, con l’aiuto dei quali percepisce gli avvenimenti. Nel modello operativo del mondo...

News Letters

0
condivisioni