Pubblicità

Amore gay per cugino (147721)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 38 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mattia 21

 

Salve,
la mia situazione è questa: sono stato al mare in Molise dai miei parenti e ho avuto modo di conoscere uno dei miei 60 cugini  di secondo grado (lui ha 28 anni) che prima non conoscevo se non di vista. E' gay...io non so cosa sono, forse bisessuale.
Lui è in una relazione, ma ho prestato attenzione a dei momenti in cui notavo degli sguardi particolari, dei sorrisi che non so se attribuire alla sua natura dolcissima o a qualcosa di più. Io non so cosa provo esattamente: so che mi manca moltissimo, che gli voglio bene.
Arriviamo al punto: quando ci siamo salutati ci siamo dati il classico bacio sulla guancia stringendo la mano, ma finito ciò, ho notato che mentre mi staccavo le nostre mani sono rimaste attaccate per poco..qualche istante..reciprocamente. Ora il fatto è che lui è preso dalla sua relazione (che forse finirà però perchè lui si trasferisce lontano) e ne soffre e tutto...ma ho pensato: non è che razionalmente non lo sa, ma nel suo Inconscio prova qualcosa per me? A volte diciamo o facciamo cose senza sapere il perchè e la psicologia ci dice che  l'Inconsio....non è forse per questo che le nostre mani sono rimaste unite? A me non era mai successo questo quando salutavo un parente o un amico. Ma secondo te è immorale tutto questo? A me non sembra, tra l'altro il mio è un sentimento piuttosto platonico..desidero abbracciarlo, forse qualche bacio ma non altro. Ditemi voi..sono in un dilemma e ho bisogno di capire se lui potrebbe provare qualcosa per me.
Vi ringrazio.

 

 

/>Caro Mattia,
dal racconto si evince un incontro innocente fra parenti che all'interno di questo gruppo c'è un cugino gay che ha una relazione. Spesso le relazioni fra gay non sono stabili, ma ciò non significa che la lontananza possa interrompere questa relazione.
Fra voi c'è stato uno scambio di affetti e intuizioni che non significano l'essere omosessuale, poichè la gentilezza spesse volte viene fraintesa.
Credo che sia più importante per te riuscire a capire il tuo orientamento sessuale prima di darti una definizione e per questo ti consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che riuscirà a far emergere le tue emozioni e desiseri, poi puoi definire il tuo orientamento sessuale avendo con chiarezza la tua scelta.
Auguri


(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 20/10/2011
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini c...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

News Letters

0
condivisioni