Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Andare a prostitute (062691)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 30 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Portantino 28 anni, 08.03.2003

Premesso: sono un rgzo di 28 anni, lavoro e studio, vivo una vita sessuale stabile, continua,intrigante, aperta e molto serena con una rgza della mia stessa età che amo, e non l'ho mai tradita, anche se me n'è capitata l'occasione.
Il problema che mi assidua da prima che iniziasse questo rapporto è di avere ogni tanto, una voglia irrefrenabile di andare con le prostitute per strada.
Questa cosa mi capita quando torno da lavoro o mi reco in qualche posto da solo, appena le vedo per strada mi sale un'eccitazione talmente forte, come se mi venissero i vomiti, non resisto, è come se scomparisse la mia personalità, è come se entrasse un'altra persona dentro di me.
Mi sono fatto una mezza idea di questa cosa, credo che sia un problema prettamente psicologico, perchè il sesso non mi manca e sono pienamente soddisfatto della mia vita sessuale, come la mia partner.
Questo problema me lo porto indietro da circa 9 anni, quando per gioco con dei miei compagni a turno pagammo una prostituta per fare sesso, da allora iniziai ad andarci abitualmente 2, 3 volte al mese, smettendo piano piano.
Ora, purtroppo,mi capita una volta ogni 2 o 3 mesi, e dopo averlo fatto mi sento appagato ma malissimo ed in colpa pensando alla mia rgza. Vi prego, datemi un cura. Grazie anticipatamente.

Caro "portantino" (28 anni ) la tua "voglia irrefrenabile" di andare a prostitute - ora solo saltuariamente - fa pensare a una compulsione invincibile (?) alla trasgressione sessuale, associata alla sensazione di piacere iniziata per gioco con i tuoi compagni a suo tempo.
Poi, ammetti, hai smesso pian piano maggiormente appagato dalla storia affettiva e sessuale con la tua compagna attuale. Chiedi una cura: a parte che, sai da te , che é semplicistica e magica la tua richiesta.
Ma puoi far tesoro della tua esperienza e continuare a diminuire progressivamente questi comportamenti fino a poterli dominare del tutto concentrandoti sulla gioia di essere fedele totalmente alla tua compagna (visto che non ritieni un tradimento l'infedeltà fisica) .
L'attrazione per la trasgressione ti resterà, ma puoi controllarla via via con maggior successo tesaurizzando la soddisfazione e il piacere di essere un adulto meglio integrato nella propria affettività e sessualità, nonché coerente con le aspettative implicite ma reali della tua compagna.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters

0
condivisioni