Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

anorgasmia (45929)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 237 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Raffa, 29anni (29.11.2001)

Soffro di difficoltà a raggiungere l'orgasmo,sono stata anni fa da un sessuologo che mi ha diagnosticato una difficoltà a lasciarmi andare causata da un concetto del sesso come una cosa sporca,inculcatomi da un'educazione rigida e da un enorme imbarazzo da parte dimio padre per tutto ciò che era legato al sesso,inoltre mi disse che avevo..CERVELLO VIGILE,che subentrava per non lasciarmi andare.non avendoprogressi rinunciai e da allora fingo di essere noemale,ma il desiderio è scarso e l'orgasmo è solo clitorideo se io sono sopra il patner..ma non è un orgasmo vero e proprio nel senso che è controllato..una sensazione che cresce cresce e penso adesso esploderà in un piacere forte e invece finisce improvvisamente.e le mie sensazioni sono sempre così anche quando vengo stimolata diventa sempre piu fortema non esplodemai tanto che a volt devo fare smettere il patner perchè mi da fastidio...sono sempre stata imbarazzata dal sesso non l'ho mai vissuta in modo normale,ho sempre represso eventuali sensazioni perchè mi creava vergogna,dapiccola giocavo con delle amiche e a volte dicevano di fingere di essere marito e moglie e mi toccavano..io non capivo perchè facevano così,ma non sentivo piacere o almeno credo,solo vergogna se trovavo le mutandine umide..sono molto triste vorrei essere una donna sessualmente normale che sa come comportarsi a letto,che vive bene il sesso ma non è cosi,vorrei essere un'ottima amante..ma se non riesco a provare niente!!!!

Cara Raffa il primo compito del sessuologo è quello di fare una esatta diagnosi della psicopatologia sessuologica del paziente e da questa elaborare un piano di lavoro il cui obiettivo minimo è quello di garantire al soggetto una vita sessuale discreta.
Attualmente per questo tipo di psicopatologie l'approccio cognitivista è quello che garantisce il maggiore numero di successi. Nel caso specifico mi riferisco alla T.M.I. (Terapia Mansionale Integrata) che si avvale del colloquio clinico e delle mansioni. Quest'ultime sono compiti da svolgere a casa che il terapeuta prescrive durante gli incontri settimanali.Se, come penso, il percorso da te seguito non è stato di questo tipo ti consiglio, prima di arrenderti definitivamente, di rivolgerti ad un sessuologo che utilizza questo metodo.
Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Totale disinteresse sessuale (…

Tabata, 41     Ho sempre avuto un rapporto ludico con il sesso. ...

Non starò autosabotando la mia…

Luna313, 31     Salve, fra qualche mese compirò 32 anni e ciò mi atterrisce, mi crea un'ansia indicibile. ...

Signorina (1527419268970)

Laura, 20     Salve, ho un problema di coppia e di famiglia. Ho conosciuto un ragazzo 5 mesi fa e sento di essermene innamorata. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni