Pubblicità

Anorgasmia , non riesco a venire (140724)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 56 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luca 18

Salve, mi chiamo Luca, ho 18 anni e sto attraversando un periodo di confusione dal punto di vista sessuale. Ero convinto di essere bisex o comunque con una forte tendenza omosessuale, ma ora che sto con un ragazzo, sono eccitato, ma quando mi masturba non riesco a raggiungere l'orgasmo, e questo sta rovinando un pò tutto. Credo sia una ansia da prestazione, come se fosse una forte paura di lasciarmi andare, perchè inconsciamente sò di non riuscire a venire. Quando mi masturba, mi vengono in mente, pensieri e paranoie che mi allontanano dall' eccitazione, peggiorando la situazione.. cosa devo fare?

Caro luca, dal racconto si evince che non vivi bene la tua sessualità sia etero sia omosessuale, poichè hai delle idee confuse. E' certo che l'ansia da prestazione può provocare la disfunzione descritta, ma secondo me devi prima di tutto conoscere bene quale è il tuo orientamento sessuale. Consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico, che può aiutarti nel tuo percorso psicologico e ottenere quell'orgasmo che gratifica la tua emozione. Auguri

(Risponde il Dott. Pugelli Sergio)

Pubblicato in data 12/12/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

News Letters

0
condivisioni