Pubblicità

Ansia da Prestazione (105642)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 61 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Monica 33

Vi pongo un problema che avete sempre trattato dal lato maschile, ma ho bisogno di capire io, da donna, come devo affrontarlo e quale è il modo migliore per pormi ai fini della sua risoluzione, miglioramento o, quanto meno, non aggravarlo. Ho 33 anni, da tre mesi frequento un ragazzo di un anno più giovane di me. Il problema è che non abbiamo mai fatto l'amore. Credo che lui abbia l' "ansia da prestazione". Non ci abbiamo neanche mai provato (credo si conosca bene ed evita a priori anche i tentativi). All'inizio diceva di aspettare poiché bisognava conoscersi meglio, poi un'altra volta ha fatto leva sui valori e l'importanza dell'atto.. ma. Credo siano scuse. Io non ne parlo perché ho paura di creare ancora più 'ansia' e mi limito a stare bene nelle cose che facciamo (lui è molto generoso e mi fa sempre raggiungere l'orgasmo o con stimolazione manuale oppure sesso orale ed anche io idem con lui). L'erezione c'è (per cui non è un problema fisico) però non riesce sempre a mantenerla. Per me il sesso è molto importante in un rapporto di coppia, ma non per il piacere fine a se stesso bensì perchè si "fa l'amore", il contatto, il sentirmi sua, il possederlo completamente, per fondersi. E credo che lui avverta questo mio desiderio. E più sente che ne ho bisogno e più, forse, evita perché gli sale la paura. Non so come comportarmi! Da una parte penso a lui e a come farlo sentire rassicurato affinché iniziamo almeno a fare qualche tentativo, dall'altra penso a me che voglio stare con una persona in maniera completa e totale e so che una vita sessuale a metà non mi starà mai bene. Quale è il migliore comportamento che posso avere per riuscire a superare questo problema? E soprattutto, lato maschile chi ha questo 'limite', poi, con conoscenza e approfondimento, nel tempo, diventerà 'normale'? Grazie per i consigli.

Car Monica, parlare di normalità per ansia da prestazione mi sembra un po azzardato, comunque leggendo il racconto credo che per prima cosa necessita sapere quali sono le vere preoccupazioni del ragazzo e le vere motivazioni per cui non vuol fare l'atto completo. Le problematiche che si racchiudono dietro questo rifiuto possono essere varie, poichè oralmente e manualmente riuscite ad avere rapporti con il relativo orgasmo. Quindi come consiglio che posso dare è di dividere in due la psicoterapia da fare: prima il ragazzo a livello individuale, poi in coppia per fare esercizi che possino farvi raggiungere al rapporto completo, cioè fare all'amore. Consiglio di sottoporsi a psicoterapia con un professionista che sia anche sessuologo.

(risponde Il dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 26/07/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Apprendimento globale

L'appredimento globale riguarda il nostro modo personale di affrontare un problema. Come viene appreso l'ambiente intorno a sé e come vengono acquisite nuove...

News Letters

0
condivisioni