Pubblicità

Ansia da prestazione (110228)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 51 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giorgio 54

Sono sposato da 25 anni,confesso di non essere molto fedele e anche se raramente ho avuto avventure extraconiugali con prestazioni da parte mia sempre ottime, anche se non avevo nessun sentimento nei confronti delle due compagne occasionali, anzi, anche se può sembrare ipocrita amavo mia moglie. Ora ho una storia da circa un anno con un'amica di mia moglie più giovane di me di 17 anni e purtroppo ci siamo innamorati l'uno dell'altra. Il problema è che un mese fa, quando finalmente coronavo il mio sogno di fare l'amore con lei, ho fatto cilecca. Inizialmente solo con lei, ora faccio fatica anche con mia moglie. So di non essere più un ragazzo, ma non credo neppure che tutto ad un tratto sono diventato impotente; la cosa brutta è che ci penso di continuo e mi è venuta un gran paura e vergogna nei confronti di entrambe. Per me è diventatata una tortura, sono insicuro in tutto quello che faccio. Se lei fosse un prete mi direbbe "è la punizione che meriti!", ma la prego dottore mi dica cosa posso fare, a chi posso rivolgermi o se devo curarmi la testa, perchè anche se può sembrarle stupido per me è una questione vitale. La ringrazio di vero cuore.

Caro Giorgio, non è mio compito giudicare le persone per le loro condotte, e non la ritengo neppure una cosa interessante. Ma le consiglierei di riflettere sul fatto che ha pensato che le sue difficoltà possano essere una punizione, perché potrebbe essere significativo. È possibile che lei si senta in colpa in questa situazione perché, diversamente dalle altre volte in cui le è capitato di avere relazioni extraconiugali, è innamorato? Non so se possa essere plausibile, ma è la prima cosa che mi è venuta in mente. Per quanto riguarda le difficoltà di erezione che la stanno affliggendo, credo che innanzi tutto dovrebbe tranquillizzarsi, capire se è una cosa momentanea, o se si protrae. Se dovesse essere così, le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo, possibilmente esperto in sessuologia, per farsi aiutare. Le faccio molti auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 04/11/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

News Letters

0
condivisioni