Pubblicità

Ansia da prestazione (134826)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 47 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Andrea 30

Buona sera, sono Andrea ed ho un problema che non so come risolvere: circa 4 anni fa ho avuto una storia con Veronica con cui avevo un'intesa sessuale perfetta, poi lei ha deciso di lasciarmi. Per vari motivi io ho subito una delusione fortissima; dopo circa 6 mesi ho conosciuto Laura e li sono cominciati i problemi perche per ben 5 mesi non sono riuscito ad avere rapporti sessuali perchè non avevo una erezione completa e mi veniva l'ansia e mille paure e mi chiedevo se stavo diventando gay, poi sono riuscito a sbloccarmi e le cose sono migliorate, fino ad avere rapporti tutte le volte che volevamo, ma anche con lei è finita per mia decisione, adesso ho incontrato una ragazza molto carina che mi piace anche, però non riesco a vivere una storia e non mi lascio trasportare perchè mi sono tornate ansie e paure e per questo al posto di cercarla cerco di evitarla perchè ho una gran paura di fare figuracce nel'intimità e non mi aiuta il fatto che abbiamo molti amici in comune. Come posso superare questa situazione? Ci sono metodi farmacologici? Avrei bisogno di risolvere in breve tempo altrimenti non posso evitare di perderla. Grazie.

Caro andrea, rimedi farmacologici esistono, ma alla fine non risolvono il problema presentato poichè l'ansia da prestazione è un'emozione psicologica che deve essere riequilibrata in funzione dell'incontro intimo con una ragazza. Da quel che sembra i tuoi rapporti relazionali con le ragazze non sono molto idilliaci o perlomeno ancora non hai trovato colei che completa la tua affettività. Con l'ultima ragazza ti consiglio di parlare dei tuoi problemi, che fra l'altro sono risolvibili poichè se lei è veramente innamorata ti può aiutare nella risoluzione che comunque devi rivolgerti ad uno psicologo psicoterapeuta sessuologo che con esercizzi appropriati al caso da fare in coppia debellerà l'ansia da prestazione. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)


Pubblicato in data 10/06/09

Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni