Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

ansia da prestazione (49587)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte

Luigi,27anni (12.4.2002)

Gentile Redazione di Psiconline, vi scrivo per la seconda volta a distanza di un anno e 5 mesi...perchè anche precedentemente mi avete dato un valido aiuto. Il problema è la sensazione di ansia da prestazione prima di un rapporto con conseguente mancanza di eccitazione. La prima volta che vi ho scritto era stato in occasione della mia prima "cilecca" cosa che mi aveva spaventato tantissimo, poi col vostro aiuto e sopratutto con l'intervento rassicurante di mio padre, mi sono reso conto che la mia cilecca non era dovuta a problemi particolari ma solo ad una situazione di "sovraesposizione al sesso" e ad una situazione contingente di imbarazzo. Inutile dire che il problema si è risolto da solo! Inutile anche dire che anche le mie dissolute abitudini sessuali non sono cambiate! So che l'uomo non è una macchina da sesso, ma a me piacciono le mie abitudini sessuali e mi piacerebbe conservarle con successo! Generalmente nel sesso vado molto bene,anche se l'assuefazione e il poco interesse per partners occasionali si fa sentire specialmente al momento di venire, ma naturalmente dopo il primo insuccesso la consapevolezza che la cosa possa ricapitare un pò mi preoccupa!
Di recente ho messo a dura prova il mio fisico uscendo tantissimo conoscendo tante ragazze e provando situazioni molto particolari anche stressanti, naturalmente di li a poco è ricomparsa la "cilecca"! So bene che la cosa è destinata a sgonfiarsi da sola, ho deciso di disdire qualche appuntamento e di riposarmi un pò anche perchè dopo un fallimento la preoccupazione è tanta e si rischia di fallire ancora! A questo punto la domanda che vi vorrei fare è semplice come posso ridurre al massimo questo periodo di insicurezza? Può aiutarmi ad esempio un anti ansia tipo "lexotan" da assumere in dosi moderate prima di un rapporto, giusto per non avere una stupida paranoia nella mia prossima prestazione sessuale? Voglio dire in certe condizioni il fallimento è normale e lo si accetta di conseguenza, del resto solo chi non fa mai sesso non fallisce mai, io facendone tanto con tante partner sono soggetto a qualche calo del desiderio e anche a situazioni inaspettate ma c'è un modo di ritrovare presto la sicurezza senza fare troppe brutte figure? Credete che il ripetersi della cosa possa aiutarmi a capire sempre meglio il problema e risolverlo o credete che possa invece innescare dei meccanismi che lo amplifichino? Vi ringrazio tanto dell'aiuto.
Distinti saluti

Caro Luigi, dalla tua lettera non sembri tanto preoccupato o desideroso di riuscire a CAMBIARE qualcosa delle abitudini sessuali cui sei affezionato,anche se ti possono creare qualche problema. Tanto sesso, tante partners,tanti appuntamenti... con chi é la sfida? Con che immagine di maschio ti stai confrontando? Se ti basta un po' di riposo, di che ti preoccupi? Non hai bisogno del sessuologo ,né dello psicofarmaco, eventualmente di una psicoterapia per ritrovare LA MISURA DELLE COSE e, magari, il loro SENSO. Ma per questo ci vorrebbe una CRISI salutare, che ti permettesse di METTERTI IN DISCUSSIONE. Ne hai desiderio?

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

News Letters