Pubblicità

ansia da prestazione (49587)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 32 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luigi,27anni (12.4.2002)

Gentile Redazione di Psiconline, vi scrivo per la seconda volta a distanza di un anno e 5 mesi...perchè anche precedentemente mi avete dato un valido aiuto. Il problema è la sensazione di ansia da prestazione prima di un rapporto con conseguente mancanza di eccitazione. La prima volta che vi ho scritto era stato in occasione della mia prima "cilecca" cosa che mi aveva spaventato tantissimo, poi col vostro aiuto e sopratutto con l'intervento rassicurante di mio padre, mi sono reso conto che la mia cilecca non era dovuta a problemi particolari ma solo ad una situazione di "sovraesposizione al sesso" e ad una situazione contingente di imbarazzo. Inutile dire che il problema si è risolto da solo! Inutile anche dire che anche le mie dissolute abitudini sessuali non sono cambiate! So che l'uomo non è una macchina da sesso, ma a me piacciono le mie abitudini sessuali e mi piacerebbe conservarle con successo! Generalmente nel sesso vado molto bene,anche se l'assuefazione e il poco interesse per partners occasionali si fa sentire specialmente al momento di venire, ma naturalmente dopo il primo insuccesso la consapevolezza che la cosa possa ricapitare un pò mi preoccupa!
Di recente ho messo a dura prova il mio fisico uscendo tantissimo conoscendo tante ragazze e provando situazioni molto particolari anche stressanti, naturalmente di li a poco è ricomparsa la "cilecca"! So bene che la cosa è destinata a sgonfiarsi da sola, ho deciso di disdire qualche appuntamento e di riposarmi un pò anche perchè dopo un fallimento la preoccupazione è tanta e si rischia di fallire ancora! A questo punto la domanda che vi vorrei fare è semplice come posso ridurre al massimo questo periodo di insicurezza? Può aiutarmi ad esempio un anti ansia tipo "lexotan" da assumere in dosi moderate prima di un rapporto, giusto per non avere una stupida paranoia nella mia prossima prestazione sessuale? Voglio dire in certe condizioni il fallimento è normale e lo si accetta di conseguenza, del resto solo chi non fa mai sesso non fallisce mai, io facendone tanto con tante partner sono soggetto a qualche calo del desiderio e anche a situazioni inaspettate ma c'è un modo di ritrovare presto la sicurezza senza fare troppe brutte figure? Credete che il ripetersi della cosa possa aiutarmi a capire sempre meglio il problema e risolverlo o credete che possa invece innescare dei meccanismi che lo amplifichino? Vi ringrazio tanto dell'aiuto.
Distinti saluti

Caro Luigi, dalla tua lettera non sembri tanto preoccupato o desideroso di riuscire a CAMBIARE qualcosa delle abitudini sessuali cui sei affezionato,anche se ti possono creare qualche problema. Tanto sesso, tante partners,tanti appuntamenti... con chi é la sfida? Con che immagine di maschio ti stai confrontando? Se ti basta un po' di riposo, di che ti preoccupi? Non hai bisogno del sessuologo ,né dello psicofarmaco, eventualmente di una psicoterapia per ritrovare LA MISURA DELLE COSE e, magari, il loro SENSO. Ma per questo ci vorrebbe una CRISI salutare, che ti permettesse di METTERTI IN DISCUSSIONE. Ne hai desiderio?

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

News Letters

0
condivisioni