Pubblicità

Ansia, dist. sessuale (146196)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 47 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giovanni 24

Salve, sono un giovane ragazzo di 24 anni, sono diplomato e lavoro a Lodi come magazziniere da circa 2 anni, per 11-12 ore al giorno. Vivo con un amico e la mia famiglia si trova in Campania, nella città di Caserta, non sono fidanzato. Ho due probblemi da circa 3 anni, soffro di ansia o almeno credo, i sintomi più diffusi sono un colpo allo stomaco e poi il cuore comincia a pompare veloce e forte, non riesco a calmarmi, sembra che stia quasi esplodendo, comincio a guardare a destra e a sinistra e devo assolutamente muovermi, correre, delle volte mi capita anche quando sono con amici a bere una birra o a casa, ma in modo più lieve. L''altro problema è di origine sessuale. A17 anni mi sono fidanzato con una ragazza di 14 anni, le cose andavano bene, facevamo sesso almeno 10 volte alla settimana, poi dopo 2 anni e mezzo lei mi lascia in modo molto brutto per me, ci sono stato molto male e diciamo che non ho avuto più rapporti con nessuna ragazza. Il probblema è che non ho più libido, non ho più voglia di fare sesso e ho notato un forte calo dell'erezione, insomma non so proprio come fare e chiedo aiuto a voi specialisti. Grazie mille in anticipo, cordiali saluti.

Caro Giovanni, la delusione sentimentale unita comunque ad una vita stressante hanno creato probabilmente un'inibizione relazionale che viene somatizzata nella sessualità. Non è certo facile ricominciare e rimettersi in discussione e non cercare e non provare piacere, è una maniera come un'altra per fermarsi. Il problema non è solo la mancanza di un'erezione, ma il senso di frustrante impotenza correlato, che unito al dolore crea un disagio nel nuovo  incontro, come una sorta di cortina di nebbia invalicabile per chiunque. Se vuoi ricominciare devi partire da un'elaborazione di quello che ti è successo con la tua ex ragazza e quello che in te forse si è rotto di speranze e di fiducia. E' come se una bellissima fantasia fosse andata in mille pezzi e l'adattamento alla nuova realtà diventasse depressivo e castrante al tempo stesso. La riparazione nasce invece dalla creatività, dalla capacità di ognuno di noi di restaurare le parti danneggiate nell'urto doloroso e riprendere il viaggio da noi stessi verso gli altri, nel piacere dell'incontro, del dare e del ricevere e a volta viene fuori anche dalla rabbia, dai sensi di colpa e dalla capacità di tollerare la frustrazione come parte comunque preziosa della vita, come " un raggio di intensa oscurità" che rende visibile tutto il mondo intorno a noi.

(Risponde la Dott.ssa Lucia Daniela Bosa)

Pubblicato in data 11/01/2011
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

News Letters

0
condivisioni