Pubblicità

attratta da ragazza (43293)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 225 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ilaria, 28anni (14.9.2001)

Gentile équipe di psiconline, ho 28 anni, conduco una vita normale caratterizzata da un lavoro per me bellissimo e soddisfacente, ho amici, vivo da 8 anni una relazione sentimentale stabile e bellissima con un coetaneo. In famiglia tutto ok, sono figlia unica, i genitori mi amano, loro si amano, io ricambio il loro amore, e considero la famiglia come uno stabile punto di riferimento, un nido caldo in cui trovare sempre risposte, affetto, comprensione.
Insomma tutto ok...mi ritengo fortunata.Il "problema" che mi ha spinto a scriverVi sta in una mia collega di lavoro. La conosco da un anno e mezzo; a mio parere è bellissima, è molto dolce...mi piace tutto di lei: come si veste, il suo profumo, come si muove...mi piace il suo sguardo, ha uno sguardo profondo e comunicativo. Mi sorprendo a pensarla, mi sorprendo a guardarla con malizia.
Mi piace così tanto che mi sento bloccata da lei: non sono tranquilla quando parliamo assieme, nel senso che quando mi rapporto a lei mi agito...una volta mi ha telefonato, e terminata la telefonata (durata circa 15 minuti), mi sono trovata completamente sudata, agitata, come una ragazzina 13enne alla sua prima cotta!!!!!!!!!
Ho forti fantasie erotiche nei confronti di questa ragazza, immagino rapporti con lei, in cui (sempre nelle mie fantasie) faccio partecipare anche il mio ragazzo. Una volta ho sognato un rapporto con lei Questa attrazione mi turba, non so che pensare...da una parte mi dico che forse è normale essere attratti da una persona dello stesso sesso, anche perché la stimo molto come persona e professionalmente. Ma dall'altra parte temo di avere qualche tendenza omosessuale.Grazie per l'attenzione e per il servizio offerto

Credo che, effettivamente, sia venuta alla luce una già latente omosessualità: i sogni, le fantasie e le reazioni che descrive sono segni inequivocabili di questo fatto .Questa componente c'è sicuramente sempre stata ( l'omosessualità è un'inclinazione naturale e quindi non è influenzabile nè in positivo nè in negativo dal clima familiare) ma lei, sollecitata dall'innamoramento, ne sta lentamente prendendo consapevolezza solo ora. Se sente che questa presa di coscienza è per lei dolorosa o problematica, la consiglio di rivolgersi ad uno psicologo per ulteriori chiarimenti.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Ippocampo

Struttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio ma...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni