Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Autoerotismo (009985)

on . Postato in Sessualità | Letto 9 volte

Alessandro,23 anni

Salve,
il mio quesito è articolato ma cerhcerò di esporlo in poche parole e chiaramente.Ci tengo a precisare che rispecchia la realtà della mia situazione. Pratico autoerotismo da quando avevo 12-13 anni ed adesso che ne ho 23 vorrei smettere.
La frequenza con cui attuo questa pratica va da un minimo di 1 volta al giorno, fino a 3-4 volte.Il periodo massimo in cui riesco a controllarmi ed evitare tale pratica è di 1-2gg, dopodichè il desiderio si fa troppo grande e mi è impossibile astenermi da tale pratica.Ritengo che tale situazione comporti per me problemi di relazione con l'altro sesso, dal momento che quando riesco ad astenrmi sono più sicuro di me.
Non ho un rapporto stabile con una ragazza ed ho praticato un rapporto completo con la'ltro sesso solo poche volte nella mia vita, fortunatamente senza riscontrare alcun problema (eiaculazione precoce, problemi di erezione od altri..)Vi chiedo:
- Con tale frequenza esistono problemi di natura fisica?
- Esiste un modo per smettere o ridurre drasticamente tale abitudine?
Vi ringrazio e vi saluto.

Caro Alessandro se per "problemi di natura fisica" intendi cecità, demenza e altre stupidaggini a cui ci si riferiva in passato per impedire ai giovani questa pratica puoi stare tranquillo, l'aspetto più importante e significativo di quanto riferisci è la frequenza e la capacità di gestione della stessa. La percentuale di soggetti che pratica l'autoerotismo è molto alta, più alta per il genere maschile. I giovanissimi e quelli che non hanno una partner fissa lo praticano con maggiore assiduità ma anche tra quelli che hanno una partner questa pratica può essere mantenuta, questo vale anche per il genere femminile. Come tu stesso hai notato essere troppo centrato su questa pratica ti distoglie da quello che dovrebbe essere i tuo impulso sessuale primario pertanto ti invito ad interessarti maggiormente al raggiungimento di una sessualità più matura ed appagante insieme ad una partner, ad evitare di isolarti ed ad impegnarti in attività che ti permettano di convogliare in modo più costruttivo le tue energie. Se questi accorgimenti non dovessero essere sufficienti a ridurre drasticamente la frequenza della pratica devi rivolgerti ad un psicologo specializzato in psicopatologie la cui origine è la compulsione. La compulsione è un impulso irrefrenabile che spinge il soggetto a compiere azioni di cui poi si pente in quanto il più delle volte ne deriva un danno, più o meno grave, che può essere economico, fisico, psichico o una mescolanza di questi fattori.
Auguri

 

 

( risponde la dott.ssa Assunta Consalvi)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

News Letters