Pubblicità

Bisessualità (125601)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 28 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca 28

Buonasera, sono fidanzata con un ragazzo da sei anni e tutto sembrava filare nel modo migliore. Devo dire la verità, piccole bugie me ne ha raccontate ma quello che fa da tre anni a questa parte è davvero troppo grande da sostenere e sopportare: si iscrive a siti porno per conoscere dei trans. Dopo questa scoperta, mi ha detto che cerca i trans perche si eccita guardando il loro intimo sexy. Io continuai a non capire, perchè cercare espressamente di conoscere dei trans? In più ha inserito degli annunci su internet chiedendo di fare amicizia con trans della nostra regione e ho anche scoperto che da tre anni ha un numero di telefono di cui fino a due mesi fa non sapevo dell'esistenza. Chiedendo spiegazioni mi ha detto che gli serviva per fare chat erotiche quando si arrabbiava con me. Io vorrei salvare questo rapporto, ma ho paura che lui non sia bisessuale e che cerchi in questi siti qualcosa che io non posso dargli, ovvero la mascolinità. Gli ho chiesto di seguire una terapia di coppia ma lui continua a dire di non essere un malato e che è colpa mia se lui cerca sesso in rete. E' possibile che il mio ragazzo abbia particolari interessi sessuali ma non vuole ammetterli? Questa storia che fine farà? Come mi devo comportare?

Cara Francesca, il tuo consiglio di seguire una terapia di coppia è giusto poichè il tuo ragazzo ha delle problematiche da risolvere. Andare a consulto da uno psicoterapeuta non vuol dire essere malato come lui insinua, ma riuscire a capire le motivazioni che ci sono all'interno della coppia, per accedere a questo tipo di perversioni e non crearti sensi di colpa. Chi pratica le azioni descritte nel racconto lo fa indipendentemente dal partner poichè si eccita attraverso la visione di altri che fanno giochi erotici. Si può definire voyeurismo se osserva senza che altri lo sappiano, triolismo se osserva con il consenso di coloro che esercitano giochi erotici. Consiglio, se lui non vuol venire in terapia di coppia, di andare individualmente, per far emergere se effettivamente desideri ancora vivere con un uomo cosi perverso. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 20/09/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

MECCANISMI DI DIFESA

Quando parliamo di meccanismi di difesa facciamo riferimento ad un termine psicoanalitico che individua i processi dinamici e inconsci mossi dall’Io per fronteg...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters

0
condivisioni