Pubblicità

Bisessualita' (145859)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 56 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ely 21

Salve. Ho un problema che mi assilla e non so con chi parlarne. Da sei mesi sto con un ragazzo di 26 anni. Premetto che io sono ancora vergine e la nosta intimita' si "limita" al sesso orale.All'inizio del rapporto(parlo dei primi 2 mesi)lui era molto preso,cercava spesso il contatto fisico e si eccitava anche solo quando lo baciavo. Poi le cose sono un po' cambiate. Col tempo ha assunto sempre un ruolo piu' "passivo" nel senso che l'eccitazione arriva solo quando io mi dedico a lui ed ho la sensazione che quando lui si dedica a me lo fa solo perche' deve.Ho notato che non si eccita quasi mai quando mi bacia o accarezza e,se era eccitato prima di cominciare,ogni tanto perde l'erezione.Spesso poi il rapporto è unidirezionale nel senso che se capita che è lui il primo a raggiungere l'orgasmo neppure ci prova ad accontentare me dopo.Quando succede è perche' sono io che gli faccio capire che deve esserci anche il mio momento.Ma di solito, se lui conclude prima, a me passa la voglia!Inoltre mi ha chiesto esplicitamente di penetrargli l'ano con un dito quando lo masturbo. Ho cercato di capire meglio entrando in discorso. Mi ha detto che voleva provare ad avere un orgasmo prostatico e che non lo aveva mai fatto prima.La prima volta che l'ho fatto non gli è piaciuto molto(anche perchè non avevo capito bene come stimolarlo), poi pero' l'ho rifatto e ogni volta che capita dice di provare sensazioni che non aveva mai provato prima.Mi sono accorta pero' che lui prova eccitazione(e me lo ha confermato)anche solo quando lo penetro(dice che è piacevole gia' quando metto il dito) anche se non riesce a raggiungere l'orgasmo con la sola stimolazione anale.Da tutto cio' io mi sono convinta che è bisessuale!Potrebbe non essere un problema, ma non per me!Infatti da un po' cerco di evitare situazioni di intimita', anche perche' nelle ultime che ci sono state non sono riuscita a raggiungere l'orgasmo(mai successo prima). Non riesco a vedermi in un ruolo "dominante" nella coppia,ho bisogno di sentirmi desiderata.Sul piano affettivo va tutto a meraviglia e questo mi fa titubare tanto,altrimenti lo avrei gia' lasciato.Non so che fare.Cosa mi consigliate? Grazie in anticipo!

Cara Ely Il tuo racconto, ben articolato,richiama l'attenzione ad un educazione sessuale da trasmettere ai giovani fin dalle scule medie poichè molte nozioni ben spiegate farebbero conoscere la sessualità per la sua interezza sia fisiologica sia emotiva. Dal racconto si evince che ancora, pur essendo affettivamente legati, non avete fatto rapporti completi e questo richiederebbe una logica spiegazione con le motivazioni psicologiche del perchè. Ciò che il ragazzo desidera, non necessariamente vuol dire bisessualità infatti quella pratica era usata nei casini nel momento in cui non arrivava l'erezione e la donna stimolando la prostata riusciva a soddisfare l'uomo poichè arrivava l'erezione. Il ragazzo può provare anche piacere nel gioco erotico instaurato, ma dal racconto percepisco che qualche problemino di natura psicologica esiste sia come coppia sia individualmente. Vi consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta sessuologo iscritto alla FISS che ne determina la professionalità e a leggere il libro L'amore la sessualità non hanno età edito da bastogi che qualche indicazione sulla sessualità può darvela. Auguri

 

(Risponde il Dott. Sergio Pugelli)

Pubblicato in data 15/11/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Rimozione

Nella teoria psicoanalitica, la rimozione è il meccanismo involontario, cioè un’operazione psichica con la quale l’individuo respinge nell’inconscio pensieri, i...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

News Letters

0
condivisioni