Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Calo improvviso di erezione (116316)

on . Postato in Sessualità | Letto 8 volte

Edy 40

Buongiorno e complimenti per il sito. Ho bisogno di capire e di essere aiutata. Io e mio marito siamo sposati da 20 anni ed è sempre stato tutto perfetto. Abbiamo due splendidi figli di 15 e 12 anni. All'improvviso, da ormai sei o sette mesi, durante il rapporto cessa repentinamente l'erezione prima che nessuno dei due abbia raggiunto l'orgasmo. Il medico di famiglia gli ha consigliato il viagra per un paio di mesi dicendo che a volte l'ansia o lo stress provocano tali disturbi e che, con un aiuto chimico, avrebbe riacquistato sicurezza. Con l'uso di queste pillole il rapporto è stato di nuovo completo anche se la "programmazione" dell'atto sessuale va a discapito della spontaneità. Per cui, a distanza di qualche mese, ci siamo lasciati andare alla passione anche una sera che non aveva assunto la pillola. Ma, dopo i fantastici preliminari, quando già tutto sembrava andare per il meglio, all'improvviso, si è di nuovo "mortificato". A me spiace molto per lui, che a 42 anni dice tra le lacrime: "Non sono più buono a niente". E sinceramente sono dispiaciuta anche per me. Vorrei capire cosa succede. Nel frattempo c'è da dire che ha eseguito analisi ed un ecodoppler consigliato dal medico, ma andava tutto bene. Spero che mi rispondiate perchè non so proprio a chi chiedere aiuto, grazie.

Cara Edy, dall'esposizione sopra descritta si può diagnosticare un calo di desiderio con impotenza secondaria. Tutto può essere dovuto anche allo stress, infatti la sessualità vissuta come amore fra due persone necessita di serenità e tranquillità in modo tale che la testa sia libera da pensieri. Il medico ha fatto secondo me la cosa più semplice ma la meno indicata, poichè in un rapporto stabile prima di prescrivere Viagra o Cialis necessita conoscere ciò che è avvenuto all'interno della coppia e solo dopo, proprio per un pratico aiuto, prescrivere il farmaco che non fa fare all'amore, ma un rapporto meccanico poichè l'erezione non è naturale, ma indotta chimicamente: quindi non è un rapporto d'amore ma solo uno basato sul sesso. Consiglio, prima di recarsi da uno specialista, di prendere una settimana di vacanza per interrompere la vita quotidiana ricca di tante situazioni stressanti; se ciò non è possibile o se dovesse perdurare la mancanza di erezione, è utile dare un organizzazione diversa al vivere quotidiano. Rivolgetevi inoltre, come coppia, ad uno psicoterapeuta sessuologo, che con determinate tecniche può riportare la sessualità alla sua giusta collocazione. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicato in data 8/04/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Frotteurismo

Il Frotteurismo è una parafilia consistente nell’impulso di toccare e strofinarsi contro persone non consenzienti, al fine di conseguire l’ec...

News Letters