Pubblicità

Confusione su orientamento sessuale (127728)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 36 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Federica 21

Salve! Sono una ragazza di 21 anni. Cercavo una consulenza per un problema che in questo periodo mi ha travolto.Spero di ricevere delle risposte. Vi racconto un po' la mia storia: sono stata fidanzata 5 anni con un ragazzo (ora ha 23 anni), siamo stati l'uno la prima volta dell'altra e da poche settimane ci siamo lasciati perche lui crede di essere gay. Ovviamente ho fatto delle domande per capire un pochino la situazione, ma le risposte sono molto confuse a volte sembra quasi di parlare con due persone diverse. Lui dice di amarmi alla follia e di essere molto attratto da me, cosa ovviamente confermata dai nostri frequenti rapporti sessuali (anche dopo la separazione). Ma nonostante tutto si sente attratto da ragazzi, molto più giovani di lui e dai tratti molto delicati. Devo anche dire che lui ha parecchi amici gay e che ha confessato che a luglio ha baciato un ragazzo. Premetto che un anno e mezzo fa lui ebbe un incidente che gli causò diversi problemi tra cui un edema cerebrale. Dopo l'incidente il suo fisico non era più lo stesso. Era molto vanitoso e dopo l'incidente non lo è più stato per evidenti ragioni. Credo che i medici consigliarono ai genitori di farlo seguire per un periodo da uno psicologo che lo aiutasse a superare il trauma, ma non loro non hanno seguito il consiglio solo per avere di nuovo il figlio a casa! Ora lui dice di avermi lasciato per proteggermi da se stesso, perche si è reso conto di essere un uomo cattivo, egoista ed egocentrico. Ma ogni volta che ci parlo cambia versione e motivo della nostra separazione, ripetendomi costantemente che mi ama e che gli manco da morire in tutte le sfere. Una volta è persino arrivato a dire che sarebbe stato meglio morire nell'incidente piuttosto che far star male entrambi! Ora io penso che non abbia per niente le idee chiare, e che ogni volta che parla con me in realtà cerca di convincersi lui di quello che mi dice. Fondamentalmente mando quest'e-mail per avere io un chiarimento, quindi vi espongo le mie domande: è possibile scoprirsi gay a 23 anni? E' possibile che l'idea di essere gay sia nata inizialmente come un desiderare il corpo di altri ragazzi, corpo che ormai lui non aveva più dopo l'incidente? E' possibile che baciare un altro ragazzo l'abbia confuso? E' possibile che la presenza quasi morbosa dei suoi genitori nella sua vita e nella nostra vita di coppia l'abbia influenzato? Sinceramente non so cosa pensare e vorrei solo capire se in realtà mi sto nascondendo dietro strane ipotesi oppure può esserci un fondo di verità, soprattutto perchè sono preoccupata per lui. Gli ho consigliato di andare a parlare con uno specialista, ma la cosa sembra alquanto difficile poiché i genitori si rifiutano di vedere il problema. Io vi ringrazio e spero in una vostra risposta solo per capire un po' di più la situazione, che a dire la verità mi sembra irreale! Saluti.

Cara Federica, il giusto consiglio al ragazzo lo avete dato tu e i medici che gli dissero di consultare uno specialista, poichè l'incidente può aver causato in lui un trauma che non riesce a superare. Per quanto riguarda la sessualità esiste anche una bisessualità i cui uomini hanno rapporti sia eterosessuali sia omosessuali. Bisogna capire se ciò è cercato e desiderato o se è frutto di esibizionismo o perversioni trasgressive. Quindi l'unico che può aiutare il ragazzo è uno psicologo psicoterapeuta. Credo che anche tu, per non soffrire e non cadere vittima dei sensi di colpa, potresti consultare uno psicoterapeuta per capire se hai bisogno di una terapia.

(risponde il Dott.Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 04/11/08

Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Alloplastica

tendenza mentale a trasformare l'ambiente ed il prossimo. È un effetto della condotta che consiste in modificazioni esterne al soggetto, in opposizione a mod...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

News Letters

0
condivisioni