Pubblicità

Coppia (1028451)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 28 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Valentina 25

Sto da quasi un anno con un ragazzo di 28 anni, da qualche mese viviamo insieme. Ci adoriamo, i rapporti sono ottimi, il dialogo anche, fisicamente siamo più che a posto e abbiamo avuto una vita più che normale (famiglie a posto, esperienze normalissime) eppure i nostri rapporti sessuali non funzionano un gran chè bene. O meglio, funzionano quando ci sono. Io ho sempre vissuto il sesso con molta libertà e spontaneità, con molta voglia di provare e senza inibizioni, in definitiva il mio rapporto con la mia sessualità era ottimo. Da quel che so anche lui ha un rapporto molto tranquillo con il sesso eppure non ha il desiderio, il chiodo fisso che generalmente hanno gli uomini. All' inizio della nostra storia avevamo circa un rapporto a settimana, ora, se mi impegno molto per farlo succedere, circa uno al mese. Ne ho più volte parlato con lui, capisce, vede il problema ma non lo sente, se cerca una risposta non la trova. Dice che è una persona molto razionale, di testa più che di istinto, vero, è molto intelligente (QI 164) c'entra qualcosa questo? Chiaramente i miei tanti e vani tentativi di fare l' amore mi innervosiscono e a volte dal mio eccessivo (ma giustificato!) nervosismo nascono delle piccole liti che, fortunatamente, risolviamo e, seppur momentaneamente, il problema è risolto. Ho cercato, invano, un caso simile al mio ma, dovunque si parla solo di mancanza di desiderio femminile...il mio non manca! Aspetto, fiduciosa, un vostro aiuto. Vi saluto e vi ringrazio, di cuore!

Cara Valentina, purtroppo o per fortuna lei non è la sola a vivere questa situazione. Il desiderio sessuale è una cosa molto sensibile e molto delicata sia per gli uomini che per le donne, indifferentemente. E il quoziente intellettivo delle persone non ha nulla a che vedere con la loro capacità di provare desiderio. Dato che lei e il suo ragazzo vivete insieme da poco tempo, posso immaginare che questa mancanza di desiderio sia in qualche modo legata dovuta a questo cambio di status; gli impegni che derivano dal convivere possono essere spesso leggermente destabilizzanti per la coppia, ma è in genere una destabilizzazione che necessita solo di un piccolo periodo di assestamento. Visto che, a quanto mi scrive, tra di voi c’è un ottimo dialogo, le consiglierei di sfruttare questo dialogo per parlare con lui di come la fa sentire questa mancanza di desiderio, e per sentire cosa lui abbia da dirle. Se non doveste riuscire, con il solo dialogo, a venir fuori da questa situazione, potrebbe essere risolutiva una terapia sessuologica; in una situazione come la vostra, in genere si tratta di un lavoro piuttosto breve, e con un ottimo margine di successo.

(risponde La dott.ssa Serena Leone)

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il qual...

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

News Letters

0
condivisioni