Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Coppia e sessualità (106070)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 26 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Flora 20

Sto insieme al mio ragazzo da ben tre anni, tra di noi tutto sommato le cose vanno bene, anche se devo ammettere che nel nostro rapporto e' subentrata parecchia quotidianita' rispetto ai primi tempi; forse perche' erroneamente da quando mi sono messa con lui ho abbandonato le mie veccchie abitudini, il rapporto con la mia vecchia compagnia, creando un rapporto morboso solo con lui, che oggi e' diventato il mio fidanzato, il mio amico, il mio confidente. E' una cosa che mi fa soffrire parecchio, che sta rendendo la mia vita troppo pianificata e banale, forse troppo impegnativa per una ragazza come me che ama le novita' e le sorprese di ogni piccolo giorno. Sembra strano pero' nonostante tutto a distanza di tre anni non abbiamo mai fatto sesso, diciamo che in passato ci abbiamo provato due, tre volte e ogni volta non riusciamo ad andare avanti perche' ho paura del dolore ed e' come se mi bloccassi perche mi fa male e lui essendo un gentiluomo e molto sensibile riesce a fermarsi. Apprezzo molto quello che fa ma a me dispiace troppo e mi sento diversa. Devo ammettere che lui mi chiede di riprovarci da parecchio tempo, anche se non mi mette nessuna fretta, ma io non riesco a rischiare, forse perche' per carattere non sopporto nessun dolore e dopo il male provato la prima volta, non riesco piu' a lasciarmi andare! Quando siamo soli ci limitiamo a masturbarci e a praticare del sesso orale a vicenda e sembra che solo questo mi basti e che fare l'amore non sia necessario. Non so da che cosa derivi tutto questo e ogni giorno, forse per questo motivo, sento che la nostra storia stia scemando, che almeno da parte mia manchi quel desiderio, quell'attrazione che caratterizzava le nostre giornate! Sono confusa ma certa allo stesso tempo della stima, dell'importanza che ha nella mia vita questo ragazzo. Vi prego di consigliarmi, perche' sto vivendo questo problema in maniera drastica. Vi ringrazio. Flora.

Salve flora, non è chiaro quali siano le sue volontà in merito a questa relazione, da una parte la noia che arriva dopo tre anni oserei dire fisiologica e dall'altra il fatto che questa persona non la spinge più di tanto oltre il limite del dolore e della sua volontà, cosa giusta forse. Sicuramente il fatto di non avere rapporti a vent'anni può rendere una relazione piatta e banale e quello che avete non è più sufficiente per andare avanti, ma potreste provare insieme a sfondare questo muro. Se sente così tanto dolore provi anche a parlarne con il suo ginecologo per escludere qualsiasi problema organico ed eventualmente provi anche a parlarne con uno psicologo, infatti tutto ciò potrebbe non accadere con un altro uomo, ma se lei tiene a questa relazione perchè non provare a risolvere per il momento e a vedere come va? In bocca al lupo.

(risponde la Dott.ssa Benedetta Mattei)

Pubblicato in data 26/09/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni