Pubblicità

Crisi di ansia, panico (116695)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 26 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marco 46

Recentemente, con la compagna che ho conosciuto a seguito della mia separazione, con la quale ho comunque un ottimo rapporto affettivo, soffro di attacchi di panico prima dei rapporti sessuali. In generale non ho problemi fisici o sessuali, se sono tranquillo riesco ad avere 2 - 3 rapporti al giorno nei fine settimana in cui riusciamo a stare insieme, però a volte, mi capita di pensare di non farcela, e la cosa degenera con crisi di sudarella ed impossibilità di fare l'amore; cosa che si risolve dopo una sessione di auto controllo e auto tranquillizzazione. Le crisi incrinano però il rapporto con dubbi sull'effettiva affinità sentimentale, il che peggiora l'ansia al successivo incontro. Da circa un anno prendo circa 20 mg di paroxetina al giorno, e la situazione è decisamente migliorata, si evidenzia una crisi ogni due mesi circa, ma ho provato a sospendere e sono tornato allo stato originale, con una crisi di sudarella alla settimana. Vorrei trovare una strategia, una cura vera e propria che eliminasse questo malessere.

Caro Marco, la prima cosa che mi permetto di sottolineare è: perchè occorrono due o tre rapporti al giorno? Credo che da come è stato descritto, la sessualità è vissuta come una tecnica materiale e non sentimentale e che, ambedue probabilmente, se sottolineate che il sesso è motivo di incrinamento vuol significare che qualche problemino relazionale esiste. Consiglio una psicoterapia psicodinamica per ritrovare equilibrio e serenità interiore a livello individuale; poi se emergono problematiche di coppia per una sessualità non vissuta come qualità, ma come quantità consiglio di consultare un sessuologo che in coppia potrà farvi capire qual'è l'importanza della sessualità. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicato in data 17/04/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni