Pubblicità

Cyber guardone (156540)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 92 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Dana, 46

 

Gentile Dottore,
dopo 5 anni di convivenza ho scoperto che il mio compagno pubblica le inserzioni sui siti per scambisti con in allegato le sue foto nude in erezione.
Devo precisare che abbiamo una vita sessuale molto appagante e attiva (facciamo l'amore tutti giorni) anzi sono io quella più trasgressiva e fantasiosa. Lui giura che si tratta di un innocuo gioco virtuale. Malgrado io gli credessi (tutto il tempo libero lo passiamo insieme) ho deciso di lasciarlo.
Non si è mai rassegnato alla separazione e dopo 4 mesi di suo assiduo corteggiamento siamo ritornati insieme. A sua richiesta abbiamo frequentato in coppia una psicoanalista davanti alla quale mi ha giurato e scongiurato che non frequenterà più siti del genere.
Ha comprato una nuova casa, che abbiamo per tutta l'estate ristrutturato e arredato insieme, perciò credevo nelle sue migliori intenzioni.
Da qualche giorno mi sono accorta che ha ricominciato a masturbarsi davanti a siti porno (i film porno li guardiamo insieme tranquillamente). Questo suo atteggiamento solitario e di nascosto mi da molto fastidio e mi crea tanta ansia.
Sto perdendo fiducia e sopratutto stima per questa persona, che davanti ai miei occhi comincia apparire come un povero debole e disturbato sessualmente. Quando l'ho affrontato apertamente ha ammesso tutto, chiedendomi scusa e chiedendomi di passare sopra questa sua debolezza.
Vorrei chiedervi prima di tutto consigliarmi qualche letteratura di psicologia, che tratta questo argomento e poi un consiglio su come comportarmi con il mio compagno ed eventualmente se queste persone si possono aiutare in qualche modo.
Grazie

Caro Alessandro,
dal racconto si evince che le tue fantasie rasentano le parafilie non altrimenti specificate e che la tua partner condivide solo in minima parte.
Pur sapendo che il maschio è poligamo e che le fantasie anche con la propria partner, se condivise rasentano la trasgressione,sono da esprimere per raggiungere l'orgasmo desiderato, necessita essere complici all'interno della coppia e condividere ciò che si desidera e ciò che non lo si desidera.
Troppo facile avere rapporti occasionali dove in poco tempo si bruciano tutte le aspettative sessuali che non sono amore ma sesso puro. La compagna di vita rappresenta tutto ciò che una famiglia desidera dalla A alla Z.
Preso atto dei tuoi disturbi ti consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che può aiutarti a trovare la giusta dimensione sia psicologica sia sessuale.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 22/11/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Ecolalia

L'ecolalia è un disturbo del linguaggio che consiste nel ripetere involontariamente, come un'eco, parole o frasi pronunciate da altre persone Si osserva, come ...

News Letters

0
condivisioni