Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Deficit erezione e calo del desiderio (119094)

on . Postato in Sessualità | Letto 5 volte

Luca 25

 

Salve, volevo esporvi un problema. Sono fidanzato da quasi 6 anni con una ragazza di 22 anni. Premetto che sono un tipo ansioso e forse voi che siete del ramo lo avreste capito sicuramente evincendolo dal mio racconto. Infatti, sempre come premessa, c'è da far sapere che io ho sempre paura dopo un rapporto sessuale completo! Magari mi sarà anche piaciuto (sicuramente... come sempre da quando ho rapporti con la mia ragazza), ma ho sempre timore che qualcosa possa essere andata storta e quindi al minimo ritardo, l'ansia si trasforma in paura vera e propria... trasmettendola anche a lei, ovviamente! Dalla fine di Gennaio io e la mia ragazza abbiamo contratto la candida... questa cosa mi ha un pò turbato (sessualmente parlando) in quanto l'ho vissuta (chiaramente esagerando data la mia costante ansia in queste cose) come una qualsiasi delle più gravi malattie sessualmente trasmissibili. Ho capito che non era a livello dell'HIV, ma tant'è. Una volta guariti sembrava tutto ok, ma io ho avuto di nuovo rossore, bruciore, e dolore al pene... questa cosa mi ha turbato più di prima! Pensavo non la risolvessi più.. Per fortuna ho risolto anche questa cosa, ma il problema nasce dopo. Infatti, una volta aver ripreso a fare petting (o comunque masturbazione reciproca senza contatto diretto), ho sempre avuto durante i contatti una sorta di senso di protezione verso il mio pene (dovuto al periodo che avevo appena trascorso), che non mi rendeva libero mentalmente e non mi faceva lasciare andare. Ciò ha provocato alla mia erezione degli "alti e bassi", che durante i primi due contatti si sono risolti portando anche a termine l'atto, ma durante l'ultimo (prima di Pasqua), in cui abbiamo provato ad avere un rapporto completo, una volta inserito il preservativo, è scomparsa completamente. Inutile dire che questo episodio ha creato in me un calo del desiderio e la paura che la cosa possa riaccadere... in più vedo che non appena mi trovo in erezione (tipo di notte) mi fisso su come si comporta il mio organismo (ho anche l'ansia che sia un problema organico anche se il mio medico me lo ha scongiurato) provocando infatti la perdita o comunque un calo dell'erezione... Era anche un periodo di stress dovuto ai miei esami universitari... quindi su due piedi ho ricondotto quasi tutto a questo fatto, ma in me era noto questo senso di timore, di protezione... Aggiungo un "particolare": due sabati fa abbiamo avuto un momento di intimità in cui ho avuto una soddisfacente erezione durante la quale la mia ragazza ha provato a masturbarmi con la mano, facendomi raggiungere anche l'orgasmo.... Ora credo che abbiate già intuito la mia domanda... chissà quante ne avete sentite di queste storie! Vorrei avere un parere da voi riguardo la mia condizione (secondo voi cos'ho?) e soprattutto su cosa posso fare per lasciarmi andare, tranquillizzarmi e non pensare troppo al dopo (questo è un mio problema di sempre e in ogni cosa che faccio) o al peggio? Come posso fare per ritornare alla serenità che vivevamo prima quando stavamo insieme? Io ho voglia e bisogno di questo quindi escluderei anche la caduta dei sentimenti! Ci sono e sono forti da entrambe le parti altrimenti lei non mi sarebbe stata così vicino in questo mese così brutto e imbarazzante... So che è un pò complicato chiedere e ricevere un consulto on-line... per me esternare bene il mio stato d'animo e per voi cercare le parole adatte, però e soprattutto spero in una vostra risposta che ho letto essere un pò una sorta di lotteria date le innumerevoli richieste che vi arrivano. Un cordiale saluto.

Caro Luca, è un piacere risponderti, ma il problema non è trovare le parole adatte, quanto riuscire ad essere d'aiuto senza avere dei dati fondamentali... perchè quelli che forniscono gli utenti sono quasi sempre insufficienti purtroppo e sono scelti in modo totalmente arbitrario (naturalmente) e non c'è modo, a meno che non si scelga una consulenza e-mail più approfondita, di poter ridefinire meglio le domande, ma proviamoci lo stesso. Vorrei avere un parere da voi riguardo la mia condizione (secondo voi cos'ho?) e soprattutto su cosa posso fare per lasciarmi andare, tranquillizzarmi e non pensare troppo al dopo (questo è un mio problema di sempre e in ogni cosa che faccio) o al peggio?  Non è chiara la tua condizione e certamente è impossibile fare una diagnosi! Di routine si consigliano esami medici globali, sia di tipo andrologico che ormonale, comunque le erezioni notturne indicano che non vi sono danni strutturali fisiologici, quindi da quel punto di vista dovrebbe essere tutto normale. I test ormonali servono a verificare dei cambiamenti. Devi sapere che tutte le ghiandole sono collegate tra loro ed alti livelli di cortisolo (ormone dello stress) possono condizionare i livelli di tutti gli altri ed a loro volta andare ad inficiare alcune condizioni tra cui il desiderio sessuale. Un calo del desiderio può però dipendere anche da uno stato ansioso, dalla presenza della tua ragazza, da un pensiero che ti ossessiona e da mille altre cose, bisognerebbe quindi approfondire questa opzione. Per esempio, se ti masturbi da solo l'erezione rimane? Spero che tu capisca che non è facile darti un consiglio senza capire bene cos'è che non va! Se ti ossessiona il pensiero... che pensiero è? Hai paura di contrarre nuovamente la candida? Provi fastidio? Magari se tu esprimessi queste emozioni e condividessi tali contenuti con la tua ragazza il problema rientrerebbe... ma non è certo una cura ad hoc! Come posso fare per ritornare alla serenità che vivevamo prima quando stavamo insieme? Io ho voglia e bisogno di questo quindi escluderei anche la caduta dei sentimenti! Ci sono e sono forti da entrambe le parti altrimenti lei non mi sarebbe stata così vicino in questo mese così brutto e imbarazzante.... Io ti consiglio di affrontare insieme questa cosa, di esplorare tutte le possibilità a partire dagli esami che ti ho detto all'inizio e, se non si risolve di fare delle consulenze più mirate, anche on-line a questo punto, anche se sarebbe meglio che le faceste insieme (te e la tua ragazza) e dal vivo. In bocca al lupo!

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 31/05/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

News Letters