Pubblicità

difficoltà al raggiungimento dell'orgasmo (46267)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 184 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Paolo, 29anni (8.12.2001)

Gentile redazione, sono un ragazzo di 29 anni ed ho un problema del quale, per vergogna o per paura non ho mai parlato con le ragazze che ho frequentato: ho difficoltà a raggiungere l'orgasmo sia quando faccio l'amore sia quando mi masturbo. Riesco si ad eiaculare, ma questa debole eiaculazione non è accompagnata da un intenso piacere ed ad un totale abbandono caratteristici dell'orgasmo.Riflettendo sul mio passato sessuale mi sono accorto che le poche volte che mi sono lasciato andare ad un intenso piacere ed abbandono dei sensi mi trovavo in situazioni dove temevo di essere scoperto oppure qualcuno ci stava ascoltando. Questa situazione credo sia legata al fatto che quando ho scoperto per la prima volta la masturbazione e quindi il piacere del sesso, mi trovavo in casa con i miei genitori e temevo di essere scoperto. Forse ho ancora una concezione negativa e peccaminosa del sesso, nonostante la mia apparente cultura liberale, e quindi non riesco a goderne appieno delle sue bellezze, avendo bisogno si una situazione di paura per poter sentire il mio corpo. In realtà, quello che è certo e che non sono ancora riuscito a capire il perché della mia condizione, ma soprattutto come potrei avere una vita sessuale più appagante. Cosa devo fare?Spero possiate essermi d'aiuto e mi possiate indicare una via d'uscita a questo mio problema.
Buon Natale
Paolo

Imbarazzo si, vergogna no. Dire che si soffre di cefalea cronica non imbarazza, parlare di difficoltà orgasmica si, forse sarebbe ora d'iniziare a farlo. Parlare di certe problematiche può servire a scoprire che non siamo i soli e magari a trovare la persona che, avendo affrontato e risolto lo stesso disagio, può aiutarci a trovare la via giusta da seguire.
Dal momento che, anche se sporadicamente e in particolari situazioni, sei riuscito a provare il piacere orgasmico escludo l'ipotesi di un problema organico. Ti consiglio di contattare uno psicoterapeuta, di scuola cognitiva, per valutare l'opportunità di intraprendere una psicoterapia. Nella scelta dello specialista privilegia chi ha anche esperienza specifica in campo sessuologico.
Auguri

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Bossing

Il bossing o job-bossing è definibile come una forma di mobbing "dall'alto" ossia attuato non da colleghi di lavoro (o compagni di scuola, di squadra s...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

News Letters

0
condivisioni