Pubblicità

dipendenza da pornografia (47490)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 305 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessandro, 31anni (20.1.2002)

Salve. Vorrei sapere se la mia attuale dipendenza dalla pornografia (ore passate su siti internet a discapito di altre attività) possa essere dipesa in qualche modo dal fatto di aver scoperto a sei anni dei giornali pornografici in un cassetto della camera dei miei genitori. Infatti per tutta l'adolescenza e anche oltre ho potuto servirmene, come pure di videocassette di analogo argomento successivamente sempre mal nascoste da mio padre.Attualmente non sono fidanzato, anche perchè non ho un lavoro in quanto studio ancora molto a rilento a causa, negli ultimi due anni, delle continue perdite di tempo sui siti pornografici.C'è un modo per liberarmi da questa dipendenza?Grazie per avermi ascoltato.
Alessandro

Buongiorno Alessandro, da quanto lei scrive emerge chiaramente un disagio circa le ore che lei trascorre in Internet, che la portano a trascurare altre attività. Lei si interroga circa il fatto che la sua dedizione per la pornografia possa essere stata determinata dalla scoperta e dalla presa di visione del materiale utilizzato dai suoi genitori. Tenga presente che a sei anni un bambino manifesta una forte curiosità sessuale, che, evidentemente, lei ha appagato in questo modo. Sarebbe necessario capire, però, se questo le ha impedito di sviluppare una sessualità adulta nel tempo. Mi interrogo su tale aspetto, in quanto lei afferma, tra le altre cose, di non essere attualmente fidanzato, adducendo come motivazione di ciò la sua mancanza di un lavoro, a sua volta determinata dagli studi ancora in corso e portati avanti a rilento a causa del tempo trascorso nei siti pornografici.
Sarebbe interessante cercare di capire cosa rappresenti per lei sia il materiale pornografico in sé, poco importa in quale forma, cartacea, online, del resto, come lei può ben capire, cambia il mezzo, ma la sostanza rimane la medesima. Inoltre, sarebbe bene indagare che cosa questa attività che le impegna così tanto tempo le permette di evitare: in breve, che cosa le permette di non fare o di non pensare il trascorrere tale tempo online?Da ciò mi sembra evidente che per liberarsi da tale dipendenza sia, in primo luogo, necessario rispondere a tali domande, solo a quel punto si potrà pensare a come mettere in pratica ciò. Anche se lei troverà altre attività piacevoli da svolgere nel momento in cui la sua dedizione per la pornografia online diminuirà o verrà meno, cosa senza dubbio auspicabile per sconfiggere tale dipendenza, rimarrà sempre insoluto l'interrogativo di fondo che lei deve porre a se stesso.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni...

News Letters

0
condivisioni