Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Dipendenza da stili sessuali? (230968)

on . Postato in Sessualità | Letto 7 volte

Anna 33

Buongiorno, vi scrivo perchè vorrei cercare di affrontare un argomento che interessa alcuni aspetti sessuali della mia vita di coppia. Vengo al dunque, io e questo ragazzo stiamo insieme da qualche mese, all'inizio abbiamo avuto rapporti sessuali normali,spinti da una forte attrazione fisica, ma senza particolari "stravaganze", poi dopo un po' abbiamo iniziato a scherzare sul sesso alternativo, come per esempio filosofia BDSM, legare, bendare ecc, e una sera di comune accordo dopo aver letto qualcosina su internet abbiamo voluto provare e diciamo che ci abbiamo trovato gusto (diciamo io a fare un po' la dominatrice e lui a fare un po' il ruolo dell'uomo sottomesso e un po' maltrattato). Ora io non ho alcun tipo di problema nel praticare questo tipo di sesso anche perchè devo dire che non mi dispiace, e su questo punto si è creato un certo grado di complicità fra noi. Chiaramente io potrei farne anche a meno, nel senso che mi eccito anche con pratiche sessuali normali, e questa sarebbe solo una piacevola aggiunta. La cosa che mi preoccupa invece è che il mio ragazzo la sta prendendo secondo me troppo sul serio, dice che per lui non è un gioco e non sono solo scenette, perchè lui durante i nostri giochi sessuali si sente veramente mio schiavo, e quando io tento di riportarlo alla realtà si arrabbia e mi dice che gli frantumo le sue fantasie. Io in realtà non voglio frantumare le sue fantasie perchè piace anche a me, ma voglio solo essere sicura che questo non diventi il nostro unico modo di rapportarci nell'intimità. Lui quando glielo dico mi risponde scocciato che va bene se penso queste cose allora la smettiamo e lo facciamo normale ma me lo dice in una maniera come seccata e io non riesco mai a tranquilizzarmi. Io sono contenta che condividiamo questi giochi erotici perchè piacciono ad entrambi, ma a volte mi assalgono dei dubbi che questa non diventi una dipendenza dalla quale non si riuscirà più a uscire (più lui che io!). Dopo questo lungo discorso che vi ho fatto(forse nemmeno chiarissimo!) vorrei solo cercare di capire come poter affrontare l'argomento con il mio ragazzo senza farlo seccare, e farmi dire sempre che io lo trascino giù dal suo navigare con la fantasia. Vorrei fargli capire che non gli voglio togliere le sue fantasie ma solo avere la certezza che in futuro non ci sarà bisogno di cose particolari o alternative per fare sesso, e che non voglio che questa diventi l'unica modalità! Con questo intendo dire che certe volte mi piacerebbe anche farlo con una certa dose di affettività, ma quando provo a dirglielo lui dice sempre che il sesso è una cosa e l'affettività è un'altra, e che ci sono momenti e momenti, e che il sesso non è certamente romantico. Lui cerca di rassicurarmi che non è l'unica modalità per farlo quella che io lo domino e lui si sottomette, però lo dice scocciato come se gli stessi togliendo una sostanza stupefacente! Come posso fare? Grazie se vorrete rispondermi. Non so più come affrontare l'argomento!

Dal racconto si può dedurre che la dipendenza sia già una realtà e che affiorano nella vostra coppia alcune parafilie. Vorrei dire al tuo ragazzo che in una coppia stabile i giochi erotici sono anche momento di romanticismo e amore, infatti, si afferma che facciamo all'amore. Fare solo sesso, cioè soddisfare solo i bisogni fisiologici coma appare dal racconto, non è mai positivo per la coppia che si definisce stabile. Per non eccedere ulteriormente, in un prossimo futuro in giochi che potrebbero infastidire ancora di più la coppia necessita consultare un sessuologo per capier fino a che punto è arrivata la dipendenza.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Fissazione

Il termine fissazione può avere significati diversi: Rinforzo di una tendenza o reazione, che porta alla nascita di un ricordo o di una abitudine motoria. F...

News Letters