Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi del comportamento sessuale (109549)

on . Postato in Sessualità | Letto 8 volte

Gaetano 44

Buongiorno, mi rendo conto che è un pò difficile condensare tutto in poche parole, ma ci provo. Ho 44 anni e non ho mai avuto una relazione con una donna e non perchè non ne abbia avuto la possibilità, ma perchè sono stato io a sfuggirla. Da quando avevo 14/15 anni ho scoperto la pornografia con un impatto scioccante e da allora ne ho fatto un uso sempre maggiore diventandone, credo, anche dipendente. Inoltre ho rapporti sessuali esclusivamente con prostitute, tanto donne, che transessuali. Ho tentato di trovare una spiegazione a tutto questo anche perchè la percezione che ho di me, che non è mai stata particolarmente positiva, è quella di una persona a metà, bloccata, non realizzata, anche se le persone con cui interagisco per amicizia o per lavoro non avvertono nulla del mio dramma. Ho cercato anche con i ricordi di andare indietro nel tempo per scoprire se c'è stato o ci sono stati degli episodi che possono avere creato dei disturbi nel mio modo di vivere l'affettività e la sessualità, ma di specifici non me ne sono venuti in mente. Il rapporto con mio padre, invece, è sempre stato conflittuale, difficile e vissuto come un ostacolo ai propri desideri di realizzazione (non so se questo dato può essere utile: sono figlio unico). A questo si aggiunge che intorno agli 11 anni, per un periodo di tempo abbastanza lungo (non so dire quanto) ho avuto frequenti attacchi di panico che si sono ripetuti anche dopo in maniera più episodica. Vi ringrazio per l'attenzione.

Caro Gaetano, sarebbe stato importante indagare quegli attacchi di panico. Molto probabilmente il non averlo fatto ti ha poi condizionato a vivere una vita a metà, non espressa fino in fondo. L'attacco di panico nasce dall'esplosione di un conflitto tra la nostra parte razionale e quella emotiva, questa fa si che la parte emotiva erompa all'esterno, portando con sè sentimenti, desideri e speranze tenute represse. Molto probabilmente sei stato un bambino molto sensibile con tante fantasie e progetti che però non ha mai trovato il coraggio di esprimere. Forse per pudore o per timore del giudizio dei genitori hai preferito razionalizzare, sacrificando la tua parte emotiva e questo ha generato il malessere interiore che ti ha portato all'attacco di panico. Non aver lavorato sul sintomo del panico potrebbe essere stata la causa che ti ha avvicinato alla pornografia, una via di fuga dalla realtà con la quale non volevi e ancora non vuoi confrontarti. La complessità della situazione richiede, a mio avviso, una psicoterapia (preferibilmente d'orientamento cognitivista). Auguri.

(risponde la Dott.ssa Maria Assunta Consalvi)

Pubblicato in data 25/10/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

Disturbi di Personalità

Con il termine Personalità si intende l'insieme dei comportamenti di un individuo, il suo modo di percepire se stesso, gli altri e la realtà, il modo di reagire...

News Letters