Pubblicità

Disturbi del sonno e masturbazione (117068)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Vladimiro 23

Gentili dottori, ho 23 anni ed il mio è un problema molto pratico, ho enormi difficoltà a prendere sonno, ed altrettante ad alzarmi dal letto. Queste due fasi sono strettamente legate all'autoerotismo: la mattina è quasi per me impossibile riuscire ad alzarmi dal letto se non raggiungo un orgasmo, anche qualora al risveglio fossi tutt'altro che eccitato, mentre per quanto riguarda la sera, trovo l'idea di infilarmi sotto le coperte repellente se la mia mente non è "intorpidita" anche da una solamente vaga eccitazione. Parlando con i miei amici ho invece scoperto che è comune riuscire ad addormentarsi bene dopo "la fatica" di un orgasmo, e che anzi questo concili il sonno, cosa che per me è inconcepibile: se lo raggiungo in serata ho bisogno almeno di 2-3 ore di tv od internet per trovare la serenità necessaria a dormire. Come è facile intuire la mattina invece l'orgasmo mi da "il calcio" in grado di uscire dal letto. Ovviamente ho provato ad affidarmi alla mia volontà, e la vita quotidiana mi ha spesso imposto di andare contro queste "abitudini", e la sensazione che provo, rispettivamente prima di dormire non eccitato o prima di alzarmi senza aver raggiunto l'orgasmo, è di forte inquietudine e frustrazione. Per quanto riguarda il resto della giornata, invece, non ho particolare attitudine al masturbarmi, anzi direi che è molto raro che fuori dai tempi sopra descritti io provi il desiderio di praticare autoerotismo. Per completezza aggiungo che sono stato circonciso in pubertà, e la drastica riduzione di sensibilità che vivo si riflette anche nei tempi in cui raggiungo l'orgasmo, che variano sensibilmente da qualche decina di minuti all'ora abbondante. Spero di avervi fornito tutti i dati rilevanti. Distinti Saluti.

Gentile Vladimiro, è possibile che i tuoi problemi con il dormire siano legati alla sessualità, ma è anche possibile che tu abbia bisogno di evitare il momento che passa tra quando ci si mette a letto e quando ci si addormenta, che è uno dei momenti più difficili nella vita di una persona, in quanto affiorano sentimenti, pensieri, che per tutto il giorno sono stati sepolti. Sono molte le persone che hanno bisogno di andare a letto letteralmente sfiancate, non lasciando nemmeno un piccolo spazio di lucidità. Però è anche possibile che quel che stai vivendo sia in qualche modo legato a fattori organici o ormonali. Penso che come prima cosa, ti convenga fare una visita da un andrologo, ed escludere ogni possibile causa organica; e poi consultare uno psicologo, per comprendere quali delle ipotesi sia più adatta a spiegare quel che stai vivendo; ed ovviamente, anche per ricevere aiuto. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

 

Pubblicato in data 24/04/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Disturbo post-traumatico da st…

I principali sintomi associati al Disturbo post-traumatico da stress possono essere raggruppati in tre specie: ...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters

0
condivisioni