Pubblicità

Disturbi dell'identità di genere ( 016938)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 64 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Massimo, 27 anni

Sono nato in un corpo di donna ma fin da bambino mi sono sempre sentito maschio. Mi sono accorto del problema in un'età molto precoce (3 anni).I l rifiuto che ho avuto da parte del mondo mi ha portato a chiudermi in mé stesso in uno spiccato atteggiamento narcisistico che forse tuttora porto avanti.Dallo sviluppo sessuale in poi mi sono lentamente chiuso in un totale isolamento.Ho sempre sentito un continuo disagio verso la società che mi ha portato ad esaltarmi di fronte a me stesso e ad avere bisogno soltanto di me stesso.Tutto questo aggiunto ad una notevole sensibilità riconosciuta anche da altre persone che ho frequentato. Molto spesso mi faccio continue domande su ideali di vita e sul senso della vita.
Da quel primo rifiuto dell'infanzia in me sono nate tutta una serie di fissazioni e turbe che agli altri appaiono senza senso.Da bambino mi rifiutavo di andare dallo psicologo. Dopo le scuole sono stato seguito da un sessuologo con la volontà di cambiare chirurgicamente il mio corpo. Il dottore mi ha inviato ad un centro per transessualismo ed ho eseguito le prime operazioni. L'esperienza al centro é stata disastrosa.
Sono stato seguito da una psicoterapeuta alla quale ho dovuto mentire per soddisfare il mio desiderio. Nel frattempo mi sono chiuso in casa con i miei genitori ad avere idee vaghe e molto sognate sul mio futuro con varie crisi nervose e senza riuscire ad andare avanti nella mia vita sia lavorativa che affettiva con smoderate pretese ambiziose e tutta una serie di fissazioni.Una parte di me vorrebbe buttare tutto sul lavoro e mandare al diavolo gli affetti ma l'altra sta male.Il risultato é che sono bloccato in casa da quando ho terminato la scuola.Non so più chi sono e se sono un maschio si può definire tale un uomo senza pene? Il pene lo potrei avere con un'ulteriore operazione ma purtroppo le tecniche non sono avanzate e non so cosa fare .L'idea di non poter mai riuscire ad avere la vita da maschio che ho sempre sognato mi uccide.
Sono stanco di frequentare circoli di transessualismo perchè io voglio vivere la vita di un maschio comune non voglio adagiarmi nella sofferenza per sempre. Voglio solo poter essere me stesso ed io non mi sento transessuale mi sento uomo. Sono andato in depressione. Per vari anni ho avuto cure farmacologiche da neurologi e psichiatri tutti d'accordo nel fatto che ho bisogno di una psicoterapia.Ho avuto quattro psicologi ma nessuno é riuscito ad aiutarmi. Leggendo il vostro portale penso che avrei bisogno di uno psicologo che annullasse gli effetti negativi che ho avuto da quel primo rifiuto.Vi chiedo disperatamente aiuto. Voglio uscire da questo tunnel senza fine. Adesso il mio medico di famiglia che è anche il sessuologo che mi ha aiutato all'inizio ha detto che cerca di trovarmi qualcuno. Secondo voi come devo impostare il rapporto con il nuovo psicologo?
Ho letto nelle vostre 10 regole del rapporto fra psicologo e paziente che devo chiedergli il tipo di terapia che potrebbe adottare con me. Vi chiedo quale potrebbe essere il tipo di terapia migliore per il mio problema? Mi sono scontrato con molta ignoranza da parte dei medici sull'argomento ,la psicoterapeuta del centro mi ha detto che qualsiasi psicologo va bene. Io non so cosa fare. Sono veramente al minimo. Se non posso uscire da questa storia forse metterò fine per sempre alla mia vita. Ditemi che non é l'ultima spiaggia.Vi prego.

 

Gentile massimo, non è l'ultima spiaggia, anzi potrebbe essere l'inizio di una nuova esperienza, nel suo vissuto c'è molta confusione ed è normale viste le esperienze da lei vissute, ma non si deve buttare tutto tutt'altro fare tesoro delle esperienze vissute anche quelle negative.
Andiamo per ordine, per quanto riguarda il suo pene so che ci sono diversi ospedali pubblici che in Italia fanno l'intervento, è vero nel passaggio di sesso da donna a uomo vi sono delle difficoltà ma il risultato finale c'è, ovviamente l'intervento non viene effettuato a tutti ma previo un percorso medico, psicologico e legale con i vari specialisti visto che si tratta di un vero cambiamento di identità, come le dicevo quindi in questo percorso vi è anche la terapia con lo psicologo che può avere differenti orientamenti ma comunque specializzato in queste problematiche, il consiglio è quindi di rivolgersi a questa equipe di spiecialisti più che ad un singolo in modo da avere un trattamento oltre che a 360 gradi sul suo problema, anche qualificato e specifico.

( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

News Letters

0
condivisioni