Pubblicità

Disturbo del comportamento sessuale (111714)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 60 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gaetano 44

Spero di essere sufficientemente chiaro e sintetico. Ho 44 anni. Da quando sono piccolo ho sempre avuto un rapporto difficile con mio padre, che ho sempre considerato una persona distante, capace di dimostrare il suo affetto in maniera preoccupata ed eccessivamente apprensiva solo per quanto riguardava gli aspetti pratici della vita (l'avvenire, i soldi). Per il resto poco o niente; niente parole di apprezzamento e nessun gesto affettuoso che implicasse fisicità (baci, carezze o abbracci).

Credo che tutto questo abbia inciso profondamente su alcuni apetti cruciali della mia vita, nel bene e nel male; ad esempio quella professionale in cui, pur avendo l'opportunità di seguire il mestiere di mio padre, l'ho rifiutato e ho fatto tutt'altro. C'è però un aspetto di me stesso che vivo con estrema angoscia ed è quello delle relazioni affettive con l'altro sesso. Alla mia età non ho ancora avuto una relazione con una donna; anzi vi dirò di più, è come se avessi una sorta di paura nei confronti delle donne e scappassi via da loro. Dal punto di visto della sessualità c'è il più completo disordine, perchè ricorro spesso a rapporti mercenari quando la tensione diventa insopportabile e, questa è una cosa che mi tormenta non poco, ho rapporti a pagamento anche con transessuali, la qual cosa, a parte la ripugnanza che provo per me stesso, mi fa anche dubitare della mia identità sessuale.

Secondo voi una carenza affettiva vissuta nei primi anni di vita, oppure un affetto eccessivo "monotematico", può avere in qualche modo a che fare con un'identità sessuale non sufficientemente definita? Mi piacerebbe avere un vostro parere. Buon lavoro.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

Caro Gaetano, generalmente le esperienze vissute nell'infanzia condizionano in modo molto forte, sia la sfera affettiva che quella sessuale, che anche il proprio modo di rapportarsi al mondo.

Ciò detto, non si può però ritenere che un'infanzia difficile crei una condizione di omosessualità, visto che l'omosessualità (a meno che non sia egodistonica, ovvero una forma di difesa) è una condizione naturale quanto l'eterosessualità. La domanda che lei pone rispetto alla sua identità sessuale è congrua, e sicuramente nelle sue attuali scelte il comportamento di suo padre, come anche quello di sua madre, ha influito. Ma ognuno reagisce agli stimoli in modo proprio e personale, e non si può generalizzare rispetto alla causa che la porta a sentirsi così adesso.

La cosa migliore che può fare per chiarirsi le idee è consultare uno psicoterapeuta, vedrà che insieme riuscirete a trovare il bandolo della matassa. Auguri.

 

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

 

Pubblicato in data 17/12/07

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Effetto Zeigarnik

L’effetto Zeigarnik è uno stato mentale di tensione causato da un compito non portato a termine. L'effetto Zeigarnik descrive come la mente umana ha più faci...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

News Letters

0
condivisioni